Redazione Paese24.it

Castrovillari, i vincitori del concorso sulla Shoah

Castrovillari, i vincitori del concorso sulla Shoah
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sono stati premiati ieri (domenica) gli artisti e le scuole partecipanti al concorso “Sul fondo. Per non dimenticare”, organizzato dall’associazione Mystica Calabria e Khoreia 2000, le cui opere sono in esposizione nella biblioteca civica, all’interno del Protoconvento Francescano, fino al 2 febbraio. In mostra, inoltre, documenti e testimonianze su Antonio La Banca, carabiniere originario di Lagonegro deportato e sopravvissuto a Dachau [VIDEO].

Diplomi di merito a: Ivana Grisolia per la produzione grafica; Luciano Maiorano per il racconto “Soldati”; Giovanni Di Cunto per l’installazione “Auschwitz”; Luigi Di Puglia Pugliese e Mario De Rosa per la poesia; Francesco Propato per la fotografia; Mario Talarico per la pittura e gli alunni dell’ IPSEOA – Casa Circondariale di Castrovillari seguiti dal prof. Edoardo Talarico, per l’installazione “Selektion”.

_DSC4057Di seguito, invece, le scuole premiate: I.C. “G. Troccoli” di Lauropoli con la classe 2^A per il cortometraggio “Ricordi” e con la classe 2^E  per l’installazione “Ce n’est pas un homme”, guidati dai proff. Malomo, Galizia, Vigna e Dionesalvi; l’ I.T.T. “U. Calvanese “di Tortora con le classi 3^ e 4^, accompagnati dalla prof.ssa Maria Todaro per l’installazione e la poesia “rap”; la scuola media “G. Fortunato” di Castrovillari con la classe 3^I e la docente Rosa Maria Mastroianni per la storia illustrata “Shaoul e la libertà”; l’ ITCG “Pitagora-Calvosa” di Castrovillari con l’alunna Alessia Laurito, accompagnata dalla prof.ssa docente Maria Ambrosio, per il lavoro “Quando la prima a cadere è la speranza…”; gli alunni dell’ IPSEOA – Casa Circondariale di Castrovillari, seguiti dalla prof.ssa Annamaria Rubino, per la produzione “Oltre il filo spinato, un’anima”; l’ITIS “E.Fermi” di Castrovillari con l’alunna Katia Canonico e le prof.sse Francesca Rizzuto e Dora L’Avena per il lavoro “Ombre a Dachau”. Un premio speciale anche alla piccola Giorgia Stabile per il miglior pensiero scritto sull’installazione “Mai più filo spinato”, realizzata da Mimmo Alichino all’ingresso della biblioteca civica.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *