Redazione Paese24.it

Amendolara, “Palio Sant’Antonio”. Cittadini si interrogano: «Forse sta diventando troppo pericoloso»

Amendolara, “Palio Sant’Antonio”. Cittadini si interrogano: «Forse sta diventando troppo pericoloso»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il tradizionale palio dei cavalli, vera punta di diamante nel folklore di Amendolara, quest’anno qualche strascico polemico lo ha lasciato. O quanto meno ha contribuito ad aprire una discussione nelle piazze reali e virtuali sulle condizioni di sicurezza che dovrebbero garantire un sereno svolgimento della gara. Anche il consigliere provinciale ed ex sindaco Mario Melfi  lancia il suo appello dalla rete: «Pur essendo stato da sindaco fautore del tracciato – scrive Melfi – mi rendo conto che oggi il percorso vada necessariamente rivisto. La gara è diventata troppo pericolosa per cavalli e fantini. Il comitato feste e l’Amministrazione comunale dovrebbero studiare un percorso più sicuro». In questo modo la pensano altri cittadini, così come tanti altri restano aggrappati imperterriti alla tradizione.

Il palio si è svolto domenica pomeriggio, come da tradizione sul corso principale di Amendolara Paese. Un paio di incidenti, per fortuna senza conseguenze, in cui sono rimasti coinvolti qualche cavallo con i rispettivi fantini, ha suscitato non pochi interrogativi sull’attuale convenienza di continuare a svolgere le batterie ippiche così come si fa ormai da tempo.

Sicuramente negli ultimi anni l’agonismo tra i concorrenti è aumentato e il palio è diventato sin troppo atteso. Questo agonismo, è inutile negarlo, sta trasformando quella che era poco più di una passerella di cavalli e asini in una vera competizione sportiva. Ed ecco che tanti si chiedono se, alla luce di queste novità, sia ancora il caso di far gareggiare cavalli e cavalieri nel centro del paese e sull’asfalto.

Anche il sindaco Ciminelli è convinto che dall’anno prossimo bisognerà dare, per cosi dire, un’aggiustatina al regolamento. Ma senza spostare il tracciato, «altrimenti – dice – la manifestazione perderebbe tutto il suo valore storico-culturale».

Innanzitutto, il primo cittadino insiste sui controlli veterinari ai cavalli nel pre-gara, e su alcune regole precise sulla proprietà degli stessi animali concorrenti. Siamo ancora ovviamente, a mente calda, nel cerchio delle ipotesi. «Ma una cosa è certa – ribadisce Ciminelli -: Bisogna ricondurre la manifestazione nell’alveo della normalità. E per far questo è necessaria la collaborazione dei partecipanti».

Per la cronaca il palio di domenica pomeriggio è stato vinto da Mario Alfano che correva per la “Scuderia Varlaro”. A Rocco Rinaldi il premio del cavaliere più elegante e a Luca Cirigliano la palma di fantino più corretto. Domenico Rino ha vinto il “Palio degli asinelli”. Mentre al termine dell’incanto, Rocco Gentile si è aggiudicata la storica corona di arance e alloro. Il ricavato verrà utilizzato per la ristrutturazione della cappella di Santa Lucia.

Hanno partecipato alla giornata anche una pattuglia di due carabinieri del IV reggimento a cavallo di Roma; il comandante provinciale dell’Arma, Francesco Ferace; il capitano della Compagnia di Corigliano, Pietro Paolo Rubbo e il neo-comandante della stazione di Roseto, il maresciallo Marco Carafa.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *