Redazione Paese24.it

Amendolara, stroncato da un malore mentre era alla guida del suo trattore

Amendolara, stroncato da un malore mentre era alla guida del suo trattore
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

amendolara-vedutaColto da improvviso malore, muore mentre è alla guida del suo trattore. Il mezzo, privo di controllo finisce fuori strada con il conducente ancora al posto di guida. A perdere la vita è stato Giovanni Stamato, 66 anni, di Amendolara, coniugato e padre di tre figli che, avendo un trattore di sua proprietà, spesso prestava la sua opera per conto terzi. Un giovane contadino che era intento anche lui al lavoro dei campi nei pressi del suo podere si è accorto dell’accaduto ed ha cercato subito di prestargli soccorso ma, recatosi sul posto, ha trovato il malcapitato ancora seduto al posto di guida ma già senza vita.

Il fatto si è verificato ieri mattina, domenica, in una frazione rurale di Amendolara denominata “Destra Spanò”, che sorge lungo la strada Provinciale 266 che collega Castroregio con Amendolara. Da quanto si è appreso l’uomo, finito di arare il terreno di un agricoltore che gli aveva commissionato il lavoro, stava rientrando in paese per raggiungere la famiglia composta dalla moglie e da tre figli, due maschi e una femmina. Un infarto acuto del miocardio, la probabile causa del decesso. Sul posto, allertati dallo stesso giovane che aveva soccorso Giovanni Stamato, sono giunti i Carabinieri della Stazione di Roseto Capo Spulico agli ordini del comandante Maresciallo Marco Carafa ed i sanitari del 118 di Trebisacce che nulla hanno potuto fare se non constatare il decesso dell’uomo. La conferma di una morte naturale, dovuta ad arresto cardio-circolatorio causato da un probabile infarto acuto del miocardio è venuta dallo stesso medico legale dottor Pino Leone che si è portato sul posto per gli adempimenti di rito. I funerali si sono svolti oggi (lunedì) nella chiesa di Amendolara Marina, dove Giovanni Stamato abitava con la sua famiglia.

Pino La Rocca

 

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *