Redazione Paese24.it

Ancora furti ad Oriolo. Cittadini chiedono sicurezza

Ancora furti ad Oriolo. Cittadini chiedono sicurezza
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

40098_oriolo_orioloUn’altra ondata di furti ha interessato questa notte (tra domenica e lunedì) il comune di Oriolo con almeno cinque abitazioni prese di mira dai “topi di appartamento” che solo pochi giorni fa avevano “visitato” altre case. Sempre la stessa tecnica: i ladri colpiscono nella prima notte entrando nelle abitazioni e sorprendendo nel sonno i proprietari e tante volte i loro figli, spesso piccoli. In alcuni casi utilizzano anche degli spray particolari per aumentare il sonno dei malcapitati. Nella razzia della notte scorsa i malviventi hanno portato via oro, denaro (qualche centinaio di euro) e anche una macchina.

In paese cresce la preoccupazione. Episodi del genere inevitabilmente minano l’armonia di una comunità. «Noi ad Oriolo eravamo abituati a lasciare la chiave alla porta», raccontano tanti cittadini che chiedono maggiore sicurezza. Ad indignarsi questa volta, a nome di altri compaesani, è il consigliere comunale in quota Udc Vincenzo Brancaccio che lamenta una scarsa presa di posizione da parte dell’Amministrazione comunale. «Già il 9 luglio il gruppo dell’Udc aveva fatto richiesta per la convocazione del Consiglio Comunale in merito agli analoghi episodi che erano accaduti (prot.3323 del 10/7/13). A quella richiesta, ad oggi, non ha fatto seguito nessuna risposta».

Intanto ad Oriolo è opinione largamente diffusa che dietro gli autori di questi furti ci possano essere i classici “pali” del posto. «Non è solo un problema di legalità e tranquillità – scrive ancora Brancaccio – ma è soprattutto un problema di sicurezza delle famiglie che vengono violate nella loro intimità, in molti casi con i bambini in casa». E qualcuno già sta pensando di organizzare ronde notturne.

Nonostante alcune famiglie abbiano perso dei beni materiali, i furti di questi giorni sembrano aver lasciato nella popolazione un vuoto di impotenza che le istituzioni preposte hanno il dovere di colmare.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *