Redazione Paese24.it

Rossano, la storia della piccola Silvia diventa un libro

Rossano, la storia della piccola Silvia diventa un libro
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Un libro per la piccola Silvia Grieco. La bambina di nove anni affetta dalla terribile sindrome di Phace ha ispirato l’opera della giornalista e scrittrice mugellana Serena Pinzani “Ricordami di non smettere di sognare”. Una storia commovente, che esalta la gioia e la voglia di vivere, così come è quella di Silvia e della sua famiglia adottiva, i Grieco. Alla manifestazione, realizzata qualche giorno fa e coordinata dai giornalisti Pier Emilio Acri e Gino Campana, hanno partecipato don Francesco Romano e Immacolata Maringola, per la Commissione Diocesana per la Pastorale familiare di Rossano, Marilena Prezzo, per l’associazione “Il Sorriso”, Carmela Gaccione, per l’Unitalsi di Corigliano e Rossano. Presente, inoltre,  l’assessore alle politiche sociali  di Rossano, Giandomenico Federico.

«Come cittadino e come amministratore – ha dichiarato l’assessore Federico – sono davvero soddisfatto per la riuscita di un evento di grande spessore. Una manifestazione positiva, dalla quale è emerso un forte messaggio di speranza, solidarietà e amore. Emozionante il libro “Ricordami di non smettere di sognare” di Serena Pinzani, ma ancora più emozionante la storia della famiglia Grieco, un esempio, un modello supremo d’amore. Una testimonianza – ha chiosato l’assessore – che la famiglia rappresenta ancora il nucleo della umana società».

All’incontro, oltre allo stesso assessore, sono intervenuti la scrittrice Serena Pinzani (in video conferenza), Natale Grieco, anche a nome di Silvia e della sua famiglia, che ha proiettato delle immagini dimostrative sui progressi fatti grazie all’amore e al sostegno delle persone di buona volontà. A partire dalle Parrocchie di S. Teresa di Rossano e di S. Francesco di Mirto-Crosia e dalla Compagnia teatrale “Otto e nove”, che si sono impegnate in comunione con benemerite associazioni e parrocchie del Mugello, per raccogliere i fondi necessari per i delicati interventi chirurgici per la piccola Silvia. Hanno partecipato, inoltre, il presidente dei Lions Rossano-Sybaris Antonio Monaco, Giampiero Garofalo regista e attore della Compagnia Teatrale “Otto e nove Granteatro”, il giornalista Serafino Caruso, don Vittorio Salvati ed il presidente dell’associazione Co.Ro., Francesco Caligiuri.

I Grieco, rossanesi d’origine, da undici anni residenti in Toscana, hanno accolto la piccola sostenendola e curandola. Non solo. Papà Natale e mamma Maria Assunta, oltre ad avere tre figli naturali, hanno prima adottato una bambina in Romania, Angela, che ora ha 17 anni, poi la piccola Silvia e, da qualche anno, hanno accolto anche Jonathan, un altro bambino speciale bisognoso di affetto. Anche per questo, la famiglia di Ronta (località turistica di Borgo San Lorenzo), ha ricevuto il premio “Due Cuori e una tribù”, promosso dall’associazione nazionale famiglie numerose (Anfn). Premio che è stato consegnato lo scorso 28 dicembre a Roma, in occasione dell’udienza di Papa Francesco riservata alle famiglie numerose d’Europa.

Redazione online

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *