Redazione Paese24.it

Presentato Terzo Megalotto Ss 106. A Francavilla Marittima simbolico inizio dei lavori

Presentato Terzo Megalotto Ss 106. A Francavilla Marittima simbolico inizio dei lavori
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Si è svolta questa mattina a Francavilla Marittima, nell’area da dove partirà il cantiere, la presentazione del Terzo Megalotto della Statale 106 Jonica che per 38 km collega Sibari a Roseto Capo Spulico. La nuova opera sarà eseguita dal Consorzio Sjrio, composto da Astaldi (60%) e Salini Impregilo (40%) che costituiscono il Gruppo Webuild in corso di consolidamento. Un investimento di 1,3 miliardi e si parla di occupazione di oltre 1500 persone, compreso l’indotto. Con un’estensione pari a 38 km su due carreggiate separate, costituisce l’anello mancante per il raggiungimento di un sistema integrato tra il corridoio Adriatico-Jonico-Tirrenico, poiché, una volta ultimata, consentirà di collegare velocemente l’Autostrada del Mediterraneo attraverso la statale 534 ‘di Cammarata e degli Stombi’ fino a Roseto Capo Spulico.

Stamattina a Francavilla Marittima non sono di certo partiti i lavori: per questi, se tutto va bene, ci vorrà fine 2020, se non l’inizio del 2021. Alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli sono stati avviati con la ‘Consegna dei lavori’ gli interventi di realizzazione della nuova infrastruttura, particolarmente attesa dal territorio, che garantirà benefici e sicurezza alla circolazione veicolare sulla dorsale jonica.  All’evento, hanno preso parte tra gli altri il Presidente della Regione Calabria Jole Santelli, l’Amministratore delegato di Anas Spa Massimo Simonini, i sindaci degli otto comuni che saranno interessati dai lavori e cioè Francavilla Marittima, Cerchiara di Calabria, Cassano allo Ionio (Sibari), Villapiana, Trebisacce, Albidona, Amendolara, Roseto Capo Spulico.

Il nuovo tracciato attraverserà nei primi 18 km i comuni di Cassano allo Jonio, Francavilla Marittima, Cerchiara di Calabria, Villapiana, nel secondo tratto i territori comunali di Trebisacce, Albidona, Amendolara e Roseto Capo Spulico. Il progetto prevede la realizzazione di 4 svincoli: Sibari, Cerchiara di Calabria – Francavilla, Trebisacce, Roseto Capo Spulico; 3 gallerie naturali per una lunghezza complessiva di 5 km; 11 gallerie artificiali per 6 km; 15 tra ponti e viadotti per una lunghezza complessiva di 6 km. Il completamento dell’opera è stimato nell’agosto 2026.

“Oggi apriamo il più grande cantiere viario d’Italia – ha dichiarato l’Ad di Anas, Massimo Simonini – per realizzare una moderna infrastruttura che ottimizzerà la mobilità dell’area, con l’obiettivo di innalzare il livello di sicurezza, riducendo i tempi di viaggio e garantendo anche un risparmio nei consumi di carburante e una diminuzione delle emissioni inquinanti. L’opera avrà straordinarie ricadute sia economiche che sociali e si accompagna ad un importante progetto di valorizzazione turistica a beneficio dell’intero territorio”.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *