Redazione Paese24.it

Cassano. Evade dai domiciliari due volte in una settimana, di nuovo arrestato

Cassano. Evade dai domiciliari due volte in una settimana, di nuovo arrestato
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

I carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto per il reato di evasione un 50nne del posto, già evaso dalla medesima misura cautelare meno di una settimana fa.

L’uomo si trova dal maggio scorso sottoposto alla misura degli arresti domiciliari a seguito dell’ordinanza emessa dal G.I.P. di Castrovillari, che sostituiva quella precedente della detenzione in carcere, in quanto imputato per i reati d’incendio, maltrattamenti in famiglia ed estorsione. Per tali fatti nel dicembre scorso era stato destinatario di un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, poiché le dettagliate indagini condotte dai militari della Tenenza di Cassano all’Ionio avevano acclarato un comportamento continuo di vessazione, minacce, danneggiamenti, estorsione di denaro e di maltrattamenti in famiglia, tenuto dal 50enne a danno dei congiunti e che era culminato con l’incendio dell’abitazione dove gli stessi abitavano.

Nella mattina di ieri, in particolar modo, durante un servizio perlustrativo del territorio, i militari della locale Tenenza venivano avvisati dalla comunità terapeutica dove l’uomo è ristretto agli arresti domiciliari, che lo stesso si era volontariamente allontanato, senza alcuna autorizzazione e in violazione delle prescrizioni imposte dal Giudice. Qualche ora dopo i carabinieri trovavano l’uomo davanti un locale nel centro di Cassano e procedevano immediatamente a bloccarlo. Lo stesso non dava alcuna valida giustificazione della sua “uscita” mattutina e per questo motivo veniva tratto in arresto per il reato di evasione.

D’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari veniva sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari presso la struttura dove si trova in cura in attesa di essere giudicato con rito direttissimo, dove l’A.G. si pronuncerà anche su un eventuale aggravio della misura cautelare.

Redazione

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *