Redazione Paese24.it

“Cascina dell’Angelo”: il vivace affresco di Bruno Alberganti sul mondo dei risicoltori

“Cascina dell’Angelo”: il vivace affresco di Bruno Alberganti sul mondo dei risicoltori
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

È in libreria, per i tipi della Aletti, il corposo romanzo “Cascina dell’Angelo” di Bruno Alberganti, un’opera di ampio respiro (di ben 588 pagine) che ruota attorno alla vicenda di un uomo impegnato nella laboriosa conduzione di un’azienda agricola. La vita del protagonista è il perno di un mondo di scambi affettivi, sensuali, amicali e di lavoro, improntati a schiettezza di intenti e temperati da spiritosa ironia. Emerge, così, lo spaccato del mondo delle risaie vercellesi al tempo delle mondine, con il forte senso della ciclicità dell’esistenza, nella triade nascita-matrimonio-morte, cui l’uomo è destinato.

«Ho descritto la vita di impegni e sacrifici tra le risaie, il cui nucleo fa sempre capo a una Cascina – ha dichiarato Bruno Alberganti (nella foto) -. Ne esistono a decine, unicamente nella mia provincia di Vercelli, e ogni Cascina è seguita da un proprio nome». La scelta di intitolare il romanzo “Cascina dell’Angelo” mette in luce il personaggio chiave e nel contempo misterioso di Angelo, all’interno della storia di tre generazioni presentata, attraverso un racconto onirico, dal protagonista Carlo, imprenditore di discreto successo. Ne viene fuori una narrazione verosimile e convincente, anche grazie alla documentazione sul campo svolta da Alberganti, che ha frequentato con assiduità la cascina per conoscere da vicino il lavoro delle risaie. Alla precisione del contesto rurale che fa da sfondo, si aggiungono con agilità di scrittura e armonia numerosi elementi che fanno di questo romanzo un’opera di grande spessore e interesse: i tratti psicologici dei personaggi descritti, l’importanza degli eventi e dei contesti, in una narrazione che soddisfa più livelli di lettura, che vanno dalla curiosità storica e sociologica, alla trama con la successione dei fatti intervenuti e colpi di scena, alla “leggerezza” calviniana del racconto scritto con naturalezza.

Come scrive Davide Ghezzo, nella prefazione del libro: «Sullo sfondo della campagna vercellese, nell’alternarsi veloce delle stagioni si innesta una vicenda familiare ad ampio respiro, che vede scorrere la vita del protagonista dall’infanzia alla maturità alla vecchiaia. Gli fanno da vivace contorno le figure femminili, i figli e i parenti acquisiti, nonché, amici, collaboratori e divertenti macchiette come il prete e il commendatore. Il tempo è scandito da nascite, matrimoni, morti… Non viene negata la sensualità e la ricerca del piacere fisico, quale componente essenziale di una vita faticosa che richiede il compenso tangibile del cibo e del sesso». Già da queste considerazioni, emerge la densità del racconto; un concentrato delle molteplici sfaccettature della vita. Le pagine più interessanti dell’opera – asserisce Ghezzo – sono quelle dedicate alla figura di Angelo, che, «dopo aver aiutato il protagonista a costruirsi una redditizia attività lavorativa, scompare misteriosamente salvo riapparire in forma indiretta nei momenti più inaspettati come presenza salvifica ma intangibile sul piano materiale». Il personaggio introduce anche l’elemento del mistero: l’esistenza di una componente spirituale, ovvero, la presenza di «entità disincarnate che appaiono protettrici benefiche delle persone ancora in vita quaggiù e delle loro attività», riprendendo le parole di Ghezzo. La rivisitazione di un mondo antico, finalmente immortalato nelle pagine della preziosa opera prima di narrativa di Alberganti, è ora a disposizione di chiunque voglia approfondire queste tematiche, che raccontano un’Italia lontana, di cui si sono perse le tracce nel tempo presente.

Redazione

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments