Redazione Paese24.it

Saccheggiavano Bar e Tabacchi nel Cosentino. Due giovani in manette

Saccheggiavano Bar e Tabacchi nel Cosentino. Due giovani in manette
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

I militari del Comando Compagnia di Rende e Cosenza, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal Tribunale di Cosenza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, hanno tratto in arresto due soggetti, cosentini, di 23 e 30 anni, ritenuti responsabili di aver commesso diversi furti in danno di attività commerciali.

I provvedimenti cautelari traggono origine dall’attività investigativa posta in essere dai militari delle Stazioni Carabinieri di Montalto Uffugo e Castrolibero, a seguito dei furti consumati durante lo scorso periodo estivo presso alcuni bar e tabacchi dislocati nei comuni di Montalto Uffugo, Marano Principato e Rovito. Gli arrestati, indagati per furto aggravato in concorso, dopo aver forzato le porte d’accesso, si introducevano all’interno degli esercizi commerciali per poi asportare diversa merce tra cui sistemi di videosorveglianza; tabacchi vari per un valore complessivo di euro 3.557; assegni bancari; gli incassi per un valore di 300 euro; denaro contenuto nelle “coin machine” sino ad arrivare alla somma di 1.400 euro; bottiglie di super alcolici come grappe, champagne e Dom Pérignon.

Le indagini svolte dai Carabinieri hanno consentito di identificare gli autori dei reati attraverso un’attenta analisi dei diversi furti messi a segno, contraddistinti dalle stesse modalità d’azione. I soggetti, infatti, effettuavano poche ore prima un sopralluogo al fine di verificare la presenza di sistemi di allarme o di telecamere; in un secondo momento, travisati da un copri capo (cappellino da baseball) facevano irruzione nei locali forzando l’ingresso per poi asportare quanto più cose possibili. Al termine delle formalità di rito, i due soggetti, uno ristretto presso la Casa Circondariale di Paola, l’altro agli arresti domiciliari, sono stati posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Redazione

 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments