Redazione Paese24.it

Trebisacce e Laino Borgo in preghiera per il grave lutto che ha colpito don Vincenzo Calvosa

Trebisacce e Laino Borgo in preghiera per il grave lutto che ha colpito don Vincenzo Calvosa
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il sacerdote si commuove durante la Messa officiata dal vescovo

Le due comunità e tutti i gruppi parrocchiali della chiesa dello Spirito Santo di Laino Borgo e della chiesa “Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria” di Trebisacce (nella foto) unite nella preghiera per manifestare la propria vicinanza e il proprio conforto a don Vincenzo Calvosa, originario di Laino Borgo e parroco a Trebisacce oltre che Direttore dell’Ufficio Tecnico Diocesano e Vicario del Vescovo per l’Economia (e alla sua famiglia) per l’improvvisa perdita della cara mamma Vittoria volata in cielo nella tarda serata di venerdì 11 giugno. Donna e madre esemplare, dal profilo semplice, amabile e riservato che, come ha ricordato il vescovo don Francesco Savino che nella mattinata di domenica 13 giugno ha presieduto, a Laino Borgo, il sacro rito esequiale alla presenza di diversi confratelli sacerdoti e di un numero contingentato di persone, il Signore non a caso ha inteso convocare nel regno celeste proprio nel giorno dedicato al Sacro Cuore di Gesù a cui, come ha ricordato lo stesso Presule, anche la propria mamma era molto devota.

Una mamma, come è risaputo, anche quando viene chiamata in cielo, non muore mai perché continua a vivere nel cuore e nella mente dei propri figli, ma per la figura di un sacerdote che rispondendo alla vocazione sacerdotale dedica la propria vita alla Chiesa, la mamma rappresenta veramente l’affetto più caro, il faro della propria esistenza e la stella polare che indica il cammino. E così è stato per don Vincenzo Calvosa che, seppure confortato dalla presenza del vescovo e di tanti parrocchiani, nel momento in cui la liturgia lo ha chiamato a invocare la preghiera per mamma Vittoria, ha accusato un momento di legittima e comprensibile commozione. A sostenerlo e a fargli coraggio con le parole più appropriate è stato il buon pastore della Diocesi Cassanese che al termine della sua omelia, nel porgere le cristiane condoglianze a lui e alla sua famiglia lo ha invitato a prendersi alcuni giorni di pausa “per rielaborare emotivamente il grave lutto legato al vissuto relazionale con una figura così importante e pregnante come la mamma”.

Pino La Rocca

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments