Redazione Paese24.it

Comune di Amendolara e Parco Archeologico di Sibari insieme per rilancio turistico e culturale

Comune di Amendolara e Parco Archeologico di Sibari insieme per rilancio turistico e culturale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il sindaco Ciminelli e il direttore Demma sottoscriveranno in piazza l'accordo

Il sindaco del Comune di Amendolara, Antonello Ciminelli e il direttore del Parco Archeologico di Sibari, Filippo Demma sottoscriveranno un importante Accordo di valorizzazione e collaborazione per il rilancio dell’attività turistica e culturale attraverso la gestione integrata del Museo Archeologico Nazionale di Amendolara e del nuovo Centro di Accoglienza per i visitatori. L’appuntamento è per giovedì 29 luglio alle ore 19,00 in piazza Giovanni XXIII ad Amendolara Centro dove il sindaco Ciminelli e il direttore Demma illustreranno alla comunità i dettagli di questo accordo.

Con questo atto formale, già deliberato dalla Giunta Comunale, si definiscono indirizzi, obiettivi e strategie comuni per la valorizzazione del patrimonio archeologico, storico e paesaggistico presente nel territorio di Amendolara, con particolare riguardo al Museo Archeologico Nazionale “Vincenzo Laviola” che troverà nuova dimora presso lo storico Palazzo Andreassi (nella foto) destinatario di un sostanziale intervento di riqualificazione oggetto di un finanziamento per oltre un milione di euro ottenuto dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Ciminelli mediante una convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e rientrante nel Piano Nazionale per la Riqualificazione Sociale e Culturale delle Aree Urbane Degradate. Palazzo Andreassi è pronto a diventare un Centro Polifunzionale di aggregazione sociale a disposizione della comunità e delle associazioni. Mentre l’attuale sede museale sarà trasformata in un centro di accoglienza per visitatori.

Obiettivo dell’accordo – che sarà sottoscritto e illustrato giovedì 29 luglio alle ore 19,00 in piazza Giovanni XXIII –  è quello di migliorale l’accoglienza e la fruizione dei beni culturali; avviare un programma di valorizzazione mediante attività ordinarie (visite guidate, laboratori) e straordinarie (eventi culturali); potenziare l’offerta turistica e culturale mediante nuove progettualità con il coinvolgimento di associazioni, istituzioni, professionisti, partner per sponsorizzazioni.

Redazione

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments