Redazione Paese24.it

Trebisacce. La lenta agonia del “Biondo Tardivo”. Produttori scoraggiati

Trebisacce. La lenta agonia del “Biondo Tardivo”. Produttori scoraggiati
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Il “biondo tardivo”, la tipica arancia che si coltiva nelle “vigne” di Trebisaccee, la cui commercializzazione nel corso degli anni ha alimentato l’economia locale, è ormai in agonia tanto che il Biondo è ormai scomparso dai mercati nazionali, con grave danno dei “vignaruli” (i produttori) e di chi per tradizione familiare si è sempre occupato di collocare il prodotto sul mercato. Parliamo della famiglia Gargiullo di Trebisacce i cui figli, avendo ereditato la missione condotta dal proprio genitore, si affannano non poco per favorire la compravendita del prodotto. Parcellizzazione delle quote di proprietà (definite “cozze”), eccessive spese di manutenzione, concorrenza spesso sleale di prodotti importati e perdurante assenza, nonostante le timide iniziative intraprese finora, di politiche di promozione e di marketing commerciale di un prodotto che si può considerare d’eccellenza ma che è poco conosciuto fuori dai confini comunali. Il “biondo tardivo”, come è noto, è un frutto prelibato con una qualità indiscussa basata sulla copiosa succosità, con un sapore dolce e sapido e con particolari proprietà organolettiche che ne incoraggiano l’utilizzo non solo come frutta ma anche in cucina e nella preparazione di confetture e di dolci. Tardivo perché il Biondo, grazie alla vicinanza delle “vigne” al mare e al particolare microclima dell’area, va a maturazione più tardi rispetto alle altre specie, e precisamente tra i mesi di marzo e di giugno.

Ecco perché, alla vigilia della campagna 2022, Giuseppe Gargiullo, che ha ereditato la “mission” di mediatore dal papà Antonio ha rivolto un accorato appello ai vari politici, ai futuri candidati amministratori locali di Trebisacce (prossime elezioni in primavera, ndr) e alle Istituzioni, a partire dal Commissario Prefettizio: «Abbiamo bisogno del vostro aiuto – ha scritto testualmente Giuseppe Gargiullo – perché il Biondo Tardivo rischia seriamente di scomparire dalle tavole, dai mercati e dalla storia di Trebisacce. Sì, ha aggiunto Gargiullo – perché il Biondo Tardivo rappresenta la storia della nostra città e trovo mortificante e deludente l’atteggiamento dei miei concittadini, e non solo, che hanno “campato” del Biondo che ha sostenuto l’economia locale a 360 gradi e “sfamato” intere generazioni. Oggi il Biondo è praticamente escluso da mercati esteri e nazionali e trova spazio solo in pochi mercati della Campania. Basta perciò chiacchiere elettorali e false promesse che terminano il giorno dopo le elezioni. Il mio sogno, – ha concluso Giuseppe Gargiullo – è quello di una città agrituristica, nella quale il Biondo e i suoi derivati ne siano un autentico marcatore identitario, capace di generare, magari attingendo ai fondi comunitari del PNRR, posti di lavoro per il territorio».

Pino La Rocca

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Giuseppe
Giuseppe
10 mesi fa

Siamo veramente alla frutta.