Redazione Paese24.it

“Nettuno” spaventa l’Alto Jonio. Mare in burrasca e fiumare in piena. Comuni in allerta

“Nettuno” spaventa l’Alto Jonio. Mare in burrasca e fiumare in piena. Comuni in allerta
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Fiumara "Straface" di Amendolara (lato Trebisacce)

Fiumara “Straface” di Amendolara (lato Trebisacce)

Il Pontile a Trebisacce

Il Pontile a Trebisacce

E’ arrivato il ciclone Nettuno, che rimarrà attivo al centro-sud sino a mercoledì.  La forte pioggia annunciata nelle scorse ore si è abbattuta sull’Alto Jonio cosentino dove piove ininterrottamente da ieri sera (sabato). Tutti gli uffici tecnici comunali sono operativi e speciali squadre della Protezione Civile monitorano costantemente il territorio, coordinate dai vari sindaci. Mentre scriviamo non si registrano danni particolari. Il mare grosso ha costretto i sindaci ad interdire l’accesso nelle zone più a rischio sui lungomari, come a Trebisacce dove il lungomare “Riviera dei Saraceni” è sotto il costante attacco delle onde ma che per il momento non hanno procurato particolari danni (nella foto, il Pontile)

Il muro di cinta del castello di Amendolara è in parte crollato

Il muro di cinta del castello di Amendolara è in parte crollato

In queste ore sono stati ripuliti tanti canali per consentire il regolare deflusso delle acque. Destano qualche preoccupazione le fiumare in piena, come il “Satanasso” a Villapiana, il “Saraceno” a Trebisacce, il “Ferro” tra Amendolara e Roseto e lo “Straface” ad Amendolara (nella foto) che sta impegnando uomini e mezzi, coordinati dal sindaco Ciminelli, nel rinforzo degli argini per prevenire possibili esondazioni. Sempre ad Amendolara, in pieno centro storico, l’abbondante acqua piovana di queste ore ha fatto crollare una parte del muro di cinta del Castello (nella foto). Si registrano allagamenti anche nel comune di Villapiana (nella foto).

Allagamenti a Villapiana

Allagamenti a Villapiana

A Trebisacce, il sindaco Mundo ha disposto la demolizione immediata di un prefabbricato nel canale Porta, di alcune palificate e di un piccolo ponte in legno che serviva per atraversare il canale e raggiungere l’altra sponda, che di fatto però potevano ostruire il deflusso delle acque e creare un potenziale pericolo per tutte le abitazioni circostanti. Il COM Protezione Civile territoriale Trebisacce è in stretto contatto con tutti i sindaci e con le sedi provinciali e regionali. L’allerta meteo continua anche per le prossime ore. Numeri utili: 800.222211(numero verde Protezione Civile) – 0981.500498 (Com Trebisacce)

Vincenzo La Camera

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *