Redazione Paese24.it

Terranova da Sibari, la provocazione del sindaco: la foto dei due Marò sul Municipio

Terranova da Sibari, la provocazione del sindaco: la foto dei due Marò sul Municipio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il sindaco di Terranova da Sibari non dimentica i marò. Da qualche giorno, sulle pareti della casa comunale del comune calabrese, sono comparse le gigantografie di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due fanti di marina del Battaglione San Marco, che da tre anni esatti sono detenuti in India. Sotto alla gigantografia appare anche l’appello «Liberiamo Salvatore Girone e Massimiliano Latorre detenuti in India illegalmente. L’Italia non può aspettare oltre!».

Il primo cittadino di Terranova da Sibari, Luigi Lirangi, ha anche spiegato i motivi alla base di questa idea. «Dal mio piccolo comune – ha affermato Lirangi – è partita un’iniziativa che speriamo possa essere sposata da tutti i comuni a dalle istituzioni calabresi. Una provocazione che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica e il Governo su quella che continua a rivelarsi una vicenda assurda e grottesca. La detenzione di Latorre e Girone – ha proseguito il sindaco – ancora oggi risulta ingiustificata perché priva di un reale capo d’accusa, rivelandosi quindi illegale. Ecco perché chiediamo allo Stato italiano di fare leva sui diritti fondamentali e su quanto stabilito dalla Convenzione ONU sul diritto del Mare di Montego Bay del 1982 per riportare a casa i due militari».

La richiesta di adesione all’iniziativa è stata inoltrata nei giorni scorsi dal comune di Terranova da Sibari a tutti i comuni della Calabria, ai presidenti delle province calabresi e al Governatore della Regione Calabria, Mario Oliverio.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *