Redazione Paese24.it
COMMENTI

Rossano e i suoi riti della Settimana Santa

Rossano e i suoi riti della Settimana Santa
Diminusci Dimensioni Aumenta Dimensioni Dimensioni Testo Stampa Articolo
Download PDF

La settimana santa rossanese è entrata nel vivo. Con la celebrazione della Domenica delle Palme (il 29 marzo) e l’ufficio delle letture in lingua greca nella chiesa di San Bernardino, si apre l’appuntamento con la tradizione religiosa e folkloristica della città bizantina. Le manifestazioni religiose saranno tutte presiedute dall’Arcivescovo di Rossano-Cariati, Monsignor Giuseppe Satriano.

Questo il programma. Domani (martedì 31 marzo) dalle 18.00 nella Cattedrale, la Liturgia Penitenziale. Mercoledì 1 aprile, sempre nel Duomo dedicato all’Achiropita, nel centro storico, alle ore 18.00 celebrazione del Crisma, con la partecipazione di tutto il clero diocesano. Giovedì 2 aprile, alle ore 19.00, ancora in Cattedrale, la messa in Coena Domini e a seguire il tradizionale scambio delle ciambelle di pane (Cuddur’). Nella serata e fino a tarda notte, il caratteristico “giro” per le vie e le chiese della Città alta per la visita agli altari della Reposizione (Subburc’). Ma sarà venerdì Santo (3 aprile), come ogni anno, il giorno clou delle manifestazione popolari e religiose. Si parte all’alba con le Via Crucis parrocchiali (Congreghe). Dalle cinque principali chiese del Centro storico, a partire dalle ore 5.00, partiranno i cortei che seguiranno le cinque croci, portate in spalla ognuna da un uomo incappucciato, a piedi scalzi e vestito di una tunica, preceduti dal classico suono delle tocte. Alle ore 16.30, sempre nella Chiesa Madre, l’Azione liturgica e a seguire la processione dei Misteri. Le nove varette, raffiguranti la passione di Cristo, usciranno dalla cappella della SS. Addolorata, in piazza Duomo, e accompagnate dal concerto bandistico “Nicola Gorgoglione” città di Pietrapaola proseguiranno in corteo lungo le vie principali del centro storico. Sabato 4 aprile, alle ore 9.00, l’Ufficio delle Letture e la meditazione, fino alle ore 20.00, davanti al Cristo Morto (Vara e ru Signur) nella certezza della Resurrezione, nella cappella della SS. Addolorata. Alle 22.30, poi, la Solenne Veglia di Pasqua ancora una volta in Cattedrale.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *