Redazione Paese24.it

“Villa Torano”. Tampone negativo a Trebisacce. Villapiana attende esito

“Villa Torano”. Tampone negativo a Trebisacce. Villapiana attende esito
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Coronavirus: pandemia finora sotto controllo ma per continuare a tenere lontano il contagio è essenziale la collaborazione dei cittadini. In realtà, fatta eccezione per i casi isolati di Francavilla Marittima dove si sono registrati 3 casi positivi e purtroppo l’unico decesso di tutto il Comprensorio e quello più grave di Oriolo dove il numero dei casi positivi è salito a 27 ma che risulta decisamente circoscritto a buona parte dell’esecutivo ed a poche famiglie e quindi abbastanza sotto controllo, si può dire che l’Alto Jonio finora l’abbia fatta franca. Anche le ultime informazioni raccontano che è risultato negativo l’esame del tampone eseguito a Trebisacce nei confronti di una operatrice sanitaria, già in quarantena, che presta servizio presso la RSA di Torano, mentre si rimane in attesa degli esami di due tamponi eseguiti a Villapiana nei confronti di una paziente dimessa circa 10 giorni addietro sempre da “Villa Torano” e di un suo congiunto, che risulta essere un dipendente comunale.

Nel caso di Trebisacce le contromisure (quarantena e tampone) sono scattate subito perché l’interessato ha subito avvertito le autorità sanitarie consentendo al sindaco Mundo di adottare gli opportuni provvedimenti. A Villapiana (nella foto i controlli al Lido) pare invece che le cose non siano andate proprio così, tanto che c’è stato chi ha contestato il tardivo avvio delle pratiche di messa in quarantena e della richiesta del tampone da parte del sindaco e delle autorità sanitarie. Questo perché, secondo una nota di chiarimento diffusa dal Comune la paziente, dimessa da “Villa Torano”, sarebbe arrivata a Villapiana circa 10 giorni addietro, ma la comunicazione al Comune sarebbe stata fatta solo martedì 14 aprile, probabilmente perché in quella data è scoppiato il caso nella RSA di Torano.

E’ solo in quella data, infatti, che sono scattate tutte le misure di prevenzione del contagio nei confronti dei due soggetti e quindi quarantena e tampone, a cui ha fatto seguito la sanificazione di tutti gli ambienti lavorativi praticati dal dipendente comunale nell’esercizio delle sue mansioni.

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *