Redazione Paese24.it

Villapiana. Minoranza chiede agevolazioni fiscali per attività commerciali

Villapiana. Minoranza chiede agevolazioni fiscali per attività commerciali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

La Minoranza Consiliare “Insieme per Villapiana”, al fine di contribuire a fronteggiare la grave crisi economica e sociale provocata dall’emergenza sanitaria in atto, ha chiesto ufficialmente all’Amministrazione Comunale di concedere una serie di sgravi fiscali a favore degli imprenditori turistici e commerciali del posto. «Questo, – si legge nella nota che accompagna l’istanza presentata formalmente al Comune – al solo scopo di venire incontro e agevolare l’imprenditoria locale che crede nelle potenzialità turistiche di Villapiana. A un anno esatto dalla competizione elettorale – commentano nella nota i tre candidati-consiglieri della Lista “Insieme per Villapiana” Domenico Filardi, Maria Rosaria La Vitola e Luigi Bria – rimane questo il focus su cui anche dai banchi della Minoranza restiamo fortemente impegnati e che ha come esclusivo obiettivo quello di promuovere e tutelare il bene comune di Villapiana, il benessere dei cittadini e gli interessi degli imprenditori turistici ed economici che su Villapiana credono e investono».

Partendo dalla constatazione che molteplici attività (bar, ristoranti, pizzerie, alberghi, B&B, fiorai, parrucchieri…) per circa 3 mesi sono state costrette a chiudere i battenti, che al momento non hanno alcuna certezza per il futuro e che la prossima sarà una stagione turistica magra e anomala che porterà sicuramente ad una drastica riduzione dei ricavi, i tre consiglieri di Minoranza hanno chiesto nello specifico: l’eliminazione dei 3/12esimi della TARI (tariffa rifiuti) per i 3 mesi di chiusura degli esercizi; una rimodulazione della stessa Tari per l’annualità 2020; l’annullamento della Tosap (tassa occupazione suoli pubblici) per tutto il 2020; -la rimodulazione dell’IMU per le attività produttive e commerciali; il rinvio al 30 settembre del pagamento della IUC (imposta unica comunale) e, infine, l’istituzione di una commissione paritetica allargata agli operatori economici e turistici che dovrà redigere una proposta complessiva che porti ad un abbattimento della fiscalità comunale.

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *