Redazione Paese24.it

Albidona. La replica della Maggioranza sulla questione Tari

Albidona. La replica della Maggioranza sulla questione Tari
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

«Legalità e trasparenza, altro che batosta fiscale! Ancora una volta i consiglieri di Opposizione provano a inventarsi “lo scandalo” della TARI con l’evidente obiettivo di confondere le idee ai cittadini onesti che hanno sempre provveduto al pagamento di tutti i tributi comunali». E’ quanto dichiarano il sindaco Filomena Di Palma e i consiglieri di Maggioranza in risposta agli avversari politici definiti «urlatori che definiscono “spazzatura” la Tari, senza avere la minima cognizione di ciò di cui scrivono e parlano inventandosi, peraltro, una presunta “batosta” in danno dei contribuenti, che non trova alcun riscontro negli atti… Probabilmente, – scrivono ancora il sindaco e i consiglieri di Maggioranza – offuscati dalla rabbia, o forse sarebbe meglio dire dall’incompetenza, non riescono a comprendere nemmeno i concetti basilari della TARI». Tari che, da quanto si legge ancora nella nota-stampa, è dovuta da chiunque possieda, a qualsiasi titolo, locali coperti o aree scoperte in grado di produrre rifiuti urbani e, in ogni caso, stabilisce che i cittadini devono assicurare la copertura integrale di tutto il servizio. «Per effetto dunque di quest’ultima norma – si legge ancora – ogni eventuale agevolazione e/o esenzione che il Comune decidesse di concedere a particolari categorie di utenti, dovrà essere pagata dagli altri cittadini albidonesi. La vera “batosta” in danno dei nostri concittadini, – scrivono ancora quelli della Maggioranza ricordando che dal 2014 al 2019 la Regione Calabria ha aumentato del 292% a tonnellata il conferimento dei rifiuti in discarica – la vogliono proprio i consiglieri di Opposizione che… vorrebbero far aumentare la TARI nei confronti della maggior parte dei cittadini albidonesi. E invece, nonostante la tariffa regionale sia stata quasi triplicata, le tariffe TARI del Comune di Albidona sono rimaste pressoché invariate e sono tra le più basse.

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *