Redazione Paese24.it

La mia vacanza a San Vito Lo Capo, mare cristallino e sabbie dorate

La mia vacanza a San Vito Lo Capo, mare cristallino e sabbie dorate
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

TRAPANI, 13 SETTEMBRESan Vito Lo Capo, meglio noto ai siculi come Santu Vitu, è un piccolo comune di 4000 abitanti immerso nella provincia di Trapani.

Il paese è una delle mete turistiche più esclusive della Sicilia, grazie al mare cristallino e ai tre chilometri di sabbia dorate che adornano la spiagge ai piedi del promontorio di Capo San Vito.

Il fondale marino degrada dolcemente verso il largo, e le correnti lungo costa non lambiscono minimamente questo angolo di paradiso, che dunque è particolarmente indicato anche per chi non è nuotatore provetto, e per le famiglie.

Gli arenili dorati sono circondati da splendide cale scavate nella roccia, ove è possibile rilassarsi in rilassanti bagni e godere nel contempo di un paesaggio unico.

Il lungomare, classico luogo d’incontro della movida notturna, consente ai turisti di passeggiare a pochi metri dalla battigia della spiaggia, e così anche la strada che conduce all’altissimo faro – 40 metri, un raggio di oltre venti miglia – dopo aver superato i due moli del porto. Una strada panoramica attraversa l’altopiano, offrendo alla vista lo splendido paese e il suo golfo.

Nel corso delle mie vacanze ho alloggiato in uno splendido hotel a San Vito lo Capo (visita questa pagina), location di charme che gode di una posizione incantevole: è adagiato sulla spiaggia più bella d’Italia e si affaccia su un mare rinomato per il suo splendore cromatico e la sua trasparenza.

Il giardino dell’hotel è un oasi verde ubicata su un tratto di spiaggia molto ampio riservata agli ospiti. Da non perdere la cena che tutte le sere viene servita a lume di candela nella terrazza sul mare.

San Vito Lo Capo dista pochi chilometri da Trapani, splendida e variegata provincia siciliana che vanta altre bellezze naturalistiche e artistiche come il Golfo di Macari, la Riserva dello Zingaro e il Golfo di Castellammare., Erice, i siti archeologici di Segesta e Selinunte, le isole Egadi.

MR

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *