Redazione Paese24.it

Calabria nell’Area Rossa. Nuovi divieti per contenere il Coronavirus

Calabria nell’Area Rossa. Nuovi divieti per contenere il Coronavirus
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Da domani (venerdì) la Calabria sarà Area Rossa. Rientra, infatti, tra le regioni considerate più a rischio insieme a Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta. Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha illustrato ieri (mercoledì 4 novembre), in conferenza stampa a Palazzo Chigi, le nuove misure per fronteggiare l’emergenza da Covid-19. Innanzitutto, l’individuazione di tre aree di criticità del Paese e le principali misure restrittive previste dal nuovo DPCM che entrerà in vigore domani 6 novembre. Area gialla, per le regioni in cui il rischio è considerato minore, in cui rientrano: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Province di Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto; area arancione in cui il rischio è considerato alto, in cui si trovano Puglia e Sicilia, e l’area rossa. Le misure generiche dureranno fino al 3 dicembre, mentre le restrizioni per ogni fascia due settimane.

Nel caso della zona rossa e, dunque, della Calabria, è vietato ogni spostamento, da una Regione all’altra, da un comune all’altro, e anche all’interno del proprio comune, in qualsiasi orario, tranne che per esigenze lavorative, per necessità o motivi di salute. Consentiti gli spostamenti strettamente necessari legati alla didattica in presenza, se consentita. Permesso il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza.

Chiusi tutti negozi al dettaglio tranne farmacie, parafarmacie, alimentari, generi di necessità (pulizia ed igiene della persona, profumerie, vendita bici ed articoli sportivi e per il tempo libero, concessionarie auto e moto e pezzi di ricambio, cartolerie e prodotti per uffici, materiale per ottica e fotografia, prodotti elettronici, audio e video e computer, ferramenta, vernici, vetri e prodotti per costruzioni, confezione e calzature per bambini, piante e fiori, biancheria personale, prodotti per l’agricoltura e giardinaggio, negozi di vendita animali ed alimenti per animali domestici, giochi e giocattoli in esercizi specializzati, articoli per illuminazione e sistemi di sicurezza, articoli medicali ed ortopedici, saponi e detersivi, articoli igienico sanitari, combustibili). Chiusi i mercati tranne quelli alimentari. Consentito il commercio al dettaglio ambulante, non quindi i mercati, di prodotti alimentari, piante e fiori, ortofrutta, prodotti ittici, carne, profumi e cosmetici, saponi, detersivi e saponi, confezioni e calzature per bambini, biancheria.

Aperte edicole, tabaccai, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici. Sospese le attività di ristorazione – bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie – ma resta consentita la ristorazione con consegna a domicilio senza limiti e, fino alle 22, la ristorazione con asporto. Divieto di consumare sul posto o nelle adiacenze. Per quanto riguarda la Scuola, sospese le attività didattiche in presenza. Solo negli asili, nella Primaria e nel primo anno della Secondaria di primo grado resta possibile la presenza. Consentito svolgere attività motoria in prossimità della propria abitazione, indossando la mascherina e rispettando il distanziamento di un metro. Sì all’attività sportiva all’aperto e individuale. I datori di lavoro limitano la presenza nei luoghi di lavoro solo alle attività indifferibili Ritorna l’autocertificazione obbligatoria il cui modulo è scaricabile dal sito del Ministero dell’Interno.

Federica Grisolia

(immagine dal sito ufficiale del Governo)

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *