Redazione Paese24.it

Rocca Imperiale. Si è insediato il nuovo parroco della Chiesa Madre

Rocca Imperiale. Si è insediato il nuovo parroco della Chiesa Madre
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Padre Domenico Campanella, Francescano dell’Ordine dei Frati Minori, originario di Trebisacce, è il nuovo parroco amministratore della storica Chiesa “Assunzione della Beata Vergine Maria” sita nel cuore del Centro Storico di Rocca Imperiale. A presiedere la solenne cerimonia di insediamento del nuovo parroco-amministratore è stato Mons. Francesco Di Chiara Vicario Generale della Diocesi di Cassano allo Ionio alla presenza delle autorità cittadine guidate dal Sìsindaco Giuseppe Ranù, di diversi confratelli sacerdoti e di una devota rappresentanza del popolo di Dio limitata nel numero per via delle restrizioni anti-Covid. Una cerimonia semplice e non solenne, dunque, ma intensa e ricca di significato spirituale, perché ha segnato l’inizio di una nuova esperienza pastorale di Padre Mimmo, come lo chiamano un po’ tutti quelli che lo conoscono e ne apprezzano il carisma spirituale e il carattere dolce e garbato.

CHI E’ PADRE MIMMO Padre Mimmo nel corso di circa 30 anni di sacerdozio ha accumulato una lunga esperienza ministeriale ricoprendo tantissimi incarichi pastorali in tutta la Calabria, sempre pronto e disponibile a ogni chiamata del suo Provinciale, coerente con lo spirito missionario e fedele ai voti di povertà, castità e obbedienza imposti nella “Regola” dal Fondatore dell’Ordine San Francesco d’Assisi. Entrato giovanissimo in Convento a Pietrafitta (CS) nel lontano 1984 per svolgere il suo periodo di postulandato, Padre Mimmo ha trascorso l’anno di “noviziato” a Piedimonte Matese (CE), a cui sono seguiti i 4 anni di Studi Teologici svolti per i primi 2 anni a Napoli presso la Pontificia Facoltà di Teologia dell’Italia Meridionale e gli altri 2 anni a Roma presso la Pontificia Università Salesiana. Ordinato Sacerdote il 14 marzo del 1992 per mano del Vescovo di Mileto-Tropea Mons. Tarcisio Cortese, Padre Mimmo ha svolto il suo servizio pastorale in giro per tutta la Calabria iniziando come Vice-Parroco a Rende, quindi come Parroco nella Chiesa di San Francesco d’Assisi in Cosenza Centro Storico e, contemporaneamente, come Cappellano per circa 10 anni del Carcere di Via Popilia dove ha vissuto un’importante esperienza di vita a contatto con i detenuti. Da Cosenza, a Lorica in Sila, a guidare per 3 anni una Parrocchia decentrata sul vastissimo territorio silano e quindi per 6 anni a Reggio Calabria presso il problematico quartiere “Sbarre” dove, oltre al servizio pastorale svolto nella Chiesa di San Francesco d’Assisi, ha gestito un grande Centro di Accoglienza per i poveri. Dal 2013 al 2015 Padre Campanella, sempre con la valigia in mano per rispondere al francescano voto di obbedienza, è stato Cappellano e Rettore del Santuario della Madonna della Quercia in Conflenti (CZ) nelle vicinanze di Lamezia Terme e negli ultimi 5 anni, dal 2015 al 2020, ha svolto la missione di Cappellano presso l’Ospedale di Tropea (VV). Nel mese di novembre 2020, dopo circa 30 anni di missione in giro per la Calabria Padre Mimmo, ha chiesto al suo Provinciale di avvicinarsi alle sue radici e, grazie alla sintonia tra il suo Provinciale e S.E. il Vescovo Savino che ci teneva alla preziosa permanenza dei Frati Francescani in Diocesi, Padre Mimmo è stato assegnato dal Presule Cassanese alla Parrocchia dell’Assunzione di Rocca Imperiale Paese dove ha iniziato il suo apostolato il 10 gennaio scorso. Padre Mimmo (nella foto) prende il posto dell’emerito Parroco don Domenico Cirigliano che ha svolto il suo apprezzato ministero pastorale per tanti anni e che comunque continuerà la sua missione al servizio della Chiesa come Rettore del Santuario “Madonna della Nova”.

Pino La Rocca

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Mario De Martino
Mario De Martino
1 mese fa

Che bella notizia, Frate Mimmo, bentornato tra noi❤.
Il cognome,per la precisione e diritto di cronaca è Campanelli, con la ‘i’ finale!!! 😉