Redazione Paese24.it

Amendolara. Giovani segnalano discarica e invocano “pugno duro” contro sporcaccioni

Amendolara. Giovani segnalano discarica e invocano “pugno duro” contro sporcaccioni
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Giorni fa alcuni giovani di Amendolara hanno messo al corrente – attraverso un manifesto sui social e regolarmente protocollato in Comune – la cittadinanza, ma soprattutto il sindaco Pasquale Aprile e l’assessore all’Ambiente, Gregorio Scigliano, circa una discarica rinvenuta sopra il centro abitato, in campagna, tra le contrade “Semaforo” e “Cozzicalìa”. I ragazzi di Unità Popolare, non nuovi a segnalazioni del genere nell’ottica della salvaguardia ambientale, nel corso di un monitoraggio del territorio raccontano di essersi imbattuti in questo scempio (nella foto).

«Riteniamo inconcepibile – scrivono – vedere alcune aree verdi di Amendolara rovinate da rifiuti di ogni genere che, oltre ad essere indecorose per il paesaggio, rappresentano anche un vero pericolo per la salute di tutti». I giovani di Unità Popolare, coordinati da Mario Grisolia, chiedendo al sindaco l’immediato ripristino del decoro di questi luoghi, invocano anche un maggior rigore nei confronti di quegli sporcaccioni che con il loro comportamento scellerato minano l’immagine di un percorso virtuoso che il Comune di Amendolara ha intrapreso con la Raccolta Differenziata “porta a porta”.

Unità Popolare non si è fermata alla denuncia ma ha pure dato la propria disponibilità, attraverso alcuni volontari, di partecipare alle operazioni di bonifica dei luoghi. Nel frattempo la spazzatura campeggia ancora in bella mostra, in attesa della dovuta pulizia che magari potrà anche regalare qualche indizio per risalire agli sporcaccioni di turno.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Eugenio
Eugenio
2 mesi fa

Non chiamateli “sporcaccioni”; in realtà si tratta di incivili, ineducati, barbari.