Redazione Paese24.it

Trebisacce. Spacciava in piazza a bordo della sua bici. «Non ditelo a mamma e papà»

Trebisacce. Spacciava in piazza a bordo della sua bici. «Non ditelo a mamma e papà»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Operazione anti droga a Trebisacce da parte della Polizia di Corigliano-Rossano. Martedì scorso è finito in manette un giovane del posto, M.L. di 39 anni, arrestato in flagranza di reato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio. I poliziotti, attorno alle ore 13 – da come riferisce la nota stampa – notavano l’uomo raggiungere piazza Matteotti, a bordo di una bici. Lo spacciatore veniva subito avvicinato da un ragazzo al quale cedeva qualcosa e nello stesso frangente il giovane, a sua volta, consegnava a M.L. delle banconote che riponeva nella tasca del proprio pantalone. Immediatamente dopo lo scambio, gli agenti bloccavano lo spacciatore.

Essendo l’abitazione dello spacciatore vicino al luogo in cui veniva fermato, veniva raggiunta a piedi e lungo detto tragitto, lo stesso, chiedeva, agli operatori di polizia giudiziaria di non coinvolgere i due anziani genitori, poichè erano all’oscuro dei suoi traffici, consegnando  tre involucri di cellophan, all’interno dei quali vi era sostanza stupefacente del tipo hashish per grammi 4,50 complessivi. In particolare, i tre involucri venivano prelevati dall’uomo, dietro al contatore dell’energia elettrica posto nel pianerottolo del piano terra della sua abitazione. La perquisizione veniva così estesa all’abitazione del 39enne che consentiva di rinvenire, abilmente occultata sotto alcuni mobili, ulteriore sostanza stupefacente del  tipo hashish del peso di 66,50 grammi. Veniva altresì  rinvenuto un bilancino di precisione e materiale utile al confezionamento della sostanza stupefacente.

Il ragazzo, dopo le formalità di rito, visti gli elementi di reità raccolti, veniva tratto in arresto per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio e per come disposto dal pubblico ministero di turno presso la Procura di Castrovillari veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Redazione

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments