Redazione Paese24.it

In giro per il mondo con la famiglia in valigia. Lui è di Rossano e si porta a spasso moglie e figli

In giro per il mondo con la famiglia in valigia. Lui è di Rossano e si porta a spasso moglie e figli
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

1Mollare tutto e provare a sentirsi un po’ come Phileas Fogg, il protagonista del giro del mondo in ottanta giorni. Con la differenza netta e marcata che il personaggio principale del romanzo di Jules Verne decise di circumnavigare il mondo per vincere una scommessa, mentre il rossanese Alessandro Gangemi e sua moglie Caterina hanno intrapreso questo viaggio con finalità diametralmente opposte, legate soprattutto a uno stile di vita che ti costringe ad andare sempre di corsa e che fagocita tutto: sentimenti e rapporti umani. Alessandro ha 38 anni e lavora al Cusb (Centro universitario sportivo Bologna), mentre Caterina, 39 anni è pedagogista in un asilo nido. Un amore nato ai tempi dell’Università nel capoluogo felsineo e quattro figli (Ines, Miranda, Vinicio e Martino) che scandiscono tempo e spazio della loro vita.

A dicembre 2013, il punto di rottura: scadono i loro rispettivi contratti di lavoro e decidono di riprendere in mano la loro esistenza. Con i soldi messi da parte e grazie all’aiuto dell’agenzia canadese Bootsnall hanno organizzato e pianificato il loro “Round the world ticket”, un biglietto aereo che consente di viaggiare per il mondo per una cifra che si aggira tra le 12 e le 13 mila euro.  Così, poco dopo la fine dell’estate, Alessandro, Caterina e i loro quattro bambini hanno lasciato Bologna e, con un budget di 30-40 mila euro, hanno scelto di far tappa in Grecia, Turchia, India, Giappone, Stati Uniti e Messico. Una decisione coraggiosa e per certi versi anche azzardata, ma pianificata in ogni minimo dettaglio. Come, ad esempio, l’istruzione dei bambini, che viene garantita attraverso la scuola parentale, ossia i membri della famiglia sono tutori e insegnanti dei propri figli, anche se si tratta di un metodo di istruzione poco gradito dai dirigenti scolastici del Bel Paese.

2Alessandro e Caterina, nel frattempo, hanno aperto un blog (seinviaggio.wordpress.com) che rappresenta un diario di bordo dettagliato della loro affascinante avventura che terminerà nell’estate del 2015 e che modificherà, e non di poco, le loro vite. Al momento non è chiaro che percorso prenderà la loro esistenza dopo questo lungo viaggio, ma una cosa è certa, torneranno nella “loro” Bologna, perché, come scrive Caterina nel blog, «so per certo che comunque sempre ritorneremo».

Pasqualino Bruno

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *