Redazione Paese24.it

Alto Jonio, paesi montani innevati

Alto Jonio, paesi montani innevati
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Albidona ieri

Albidona ieri

Il maltempo che secondo i metereologi era atteso per oggi, è arrivato con una giornata di anticipo portando piogge e rovesci su tutto l’Alto Jonio e abbondanti nevicate nei paesi interni costretti a fare i conti con una viabilità già di per sé complicata, che diventa problematica quando le Provinciali che collegano i paesi tra loro e con la Litoranea si coprono di neve. Cosa che si è verificata a partire da ieri mattina allorquando la neve ha preso a cadere con continuità coprendo i paesi montani di una più o meno abbondante coltre bianca.

Cerchiara (Santuario Madonna delle Armi) ieri

Cerchiara (Santuario Madonna delle Armi) ieri

Da ieri mattina i paesi più innevati risultano quelli posti oltre i 4/500 metri ed in particolare Albidona, Castroregio, Plataci, Nocara, San Lorenzo Bellizzi e soprattutto Alessandria del Carretto che, con i suoi 1.000 metri, è il paese più alto del Parco del Pollino. Qui la coltre bianca ha superato i 30 centimetri creando non poche difficoltà alla circolazione. In tutti questi centri si sono verificate difficoltà di ritorno a casa sia per gli studenti che frequentano le scuole di Trebisacce e viaggiano in pulman che per i pendolari che scendono nei paesi costieri per lavoro.

Plataci ieri

Plataci ieri

Per fortuna però il servizio-spazzaneve predisposto dalla Provincia è entrato subito in azione sia sulla Provinciale 153 che parte da Trebisacce e raggiunge Alessandria del Carretto sia sulle altre strade provinciali per cui non si segnalano particolari disagi. Difficoltà e disagi vengono invece segnalati nelle campagne, dove la viabilità rurale è ancora più disagiata perché affidata ai comuni che dispongono di pochissime risorse per la manutenzione ordinaria.  Nonostante i disagi la prima neve dell’anno è stata comunque salutata con soddisfazione perché contribuisce a “dissetare” un territorio siccitoso e comunque viene preferita alle piogge torrenziali che, in un territorio caratterizzato da grave dissesto idro-geologico, finiscono per creare frane e smottamenti e provocare l’isolamento dei paesi più interni come è successo l’anno scorso ad Alessandria del Carretto.

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *