Redazione Paese24.it

Alto Jonio senza ospedale. Disagi all’ordine del giorno. Pazienti “elemosinano” posti letto

Alto Jonio senza ospedale. Disagi all’ordine del giorno. Pazienti “elemosinano” posti letto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

PPI di Trebisacce

Continua, dopo la chiusura dell’ospedale e la trasformazione del Pronto Soccorso in PPI (punto di primo intervento), il travagliato calvario per gli utenti della sanità dell’Alto Jonio costretti a lunghe e mortificanti peregrinazioni in cerca di un posto-letto che non si trova mai, o che si trova a lunga distanza dai paesi del comprensorio, tale perciò da non garantire la necessaria assistenza nei casi di emergenza-urgenza. E’ successo anche l’altro giorno ad una signora anziana di Trebisacce ma è purtroppo storia quotidiana, che ormai si ripete troppo spesso: la gente comune, specie quella dei paesi interni, che non sa, o che non si rassegna all’idea che l’ospedale non è più ospedale, continua a recarsi infatti al Pronto Soccorso dove i medici, che sono obbligati a fare i medici e che quindi non chiudono la porta in faccia a nessuno, si prodigano come possono, arrivando fin dove possono arrivare, ma troppo spesso si trovano nella condizione di chi, isolato e senza mezzi, deve difendersi con le mani nude da chi invece ti punta una pistola alla tempia.

I fatti: G.E., un’anziana signora, originaria della Liguria ma da molti anni cittadina adottiva di Trebisacce dove peraltro si è battuta per tutta la vita in difesa dell’ospedale, ha dovuto sperimentare sulla propria pelle l’odissea vissuta da tanti altri pazienti da quando il “Chidichimo”, e soprattutto un servizio salva-vita come l’Utic, è stato chiuso. Colta da improvviso malore, i figli l’hanno accompagnata all’ormai ex Ospedale. «Qui, – è il figlio M. V. che parla – i sanitari, che non finirò mai di ringraziare, si sono prodigati in tutti i modi e, attraverso le opportune indagini condotte con i mezzi a disposizione, hanno subito diagnosticato problemi di carattere cardiaco e le hanno prestato le cure del caso, in seguito alle quali si è reso necessario il trasferimento presso un ospedale attrezzato. A questo punto – sempre secondo il figlio della signora – sono iniziate le spasmodiche ricerche di un posto-letto partendo dall’ospedale più vicino:  niente però a Corigliano, niente a Rossano, niente a Castrovillari, niente a Rossano… niente ad Acri. A questo punto, – è sempre il figlio che parla – per ridurre al massimo i tempi ed i rischi di un aggravamento della situazione, assumendomi la responsabilità e firmando la dovuta liberatoria, l’ho accompagnata con la mia auto a Catanzaro, dove mia madre, per fortuna, è tuttora ricoverata. Mi limito a raccontare i fatti, senza aggiungere alcuna considerazione. Lascio a voi – ha concluso il figlio dell’anziana signora intendendo riferirsi ai rappresentanti istituzionali ed anche ai vertici dell’Asp – commentare l’accaduto e tirare le opportune conclusioni, augurandovi che la cosa non capiti a uno di voi».

Pino La Rocca

Condividilo Subito

2 Responses to Alto Jonio senza ospedale. Disagi all’ordine del giorno. Pazienti “elemosinano” posti letto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *