Redazione Paese24.it

Amendolara, Associazione per Sviluppo Alto Ionio si riorganizza. «Pronti per fare impresa»

Amendolara, Associazione per Sviluppo Alto Ionio si riorganizza. «Pronti per fare impresa»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L’Associazione per lo Sviluppo dell’Alto Ionio (ASAI), coordinata dal presidente Antonio Pagano, si è riunita nella sede ubicata nel centro storico di Amendolara per programmare le prossime iniziative, compreso il cartellone di eventi estivi” dal titolo “Mediterraneo Interiore” di concerto con alcuni comuni dell’Alto Jonio cosentino. I diversi soci presenti hanno discusso di importanti novità in cantiere che riguarderanno il Premio Pagano, concorso scolastico in memoria del giudice Umberto Pagano che quest’anno ha raggiunto la sua settima edizione ed è pronto da settembre ad un vero restyling organizzativo. Sono entrati nel gruppo associativo altri soci comprese alcune new entry dalla vicina Basilicata per estendere l’impegno dell’associazione anche in terra lucana, accomunata alla Calabria da vivi elementi come storia, cultura, dialetto, tradizioni, enogastronomia.

Ma la vera novità emersa dalla riunione è l’apertura verso un nuovo modello associativo e cioè legato alla capacità di fare impresa, vero grimaldello per un reale sviluppo del territorio. L’ASAI ha dunque provveduto all’iscrizione presso il registro delle Imprese della Camera di Commercio di Cosenza ed è pronta dunque a partecipare a concreti processi produttivi. Nel frattempo ancora work in progress il cartellone di eventi per questa estate promossi dall’associazione e che riguarderanno, come di consueto, appuntamenti legati alla musica, alle arti in genere come fotografia, cinema e al paesaggio.

Vincenzo La Camera

Share Button

One Response to Amendolara, Associazione per Sviluppo Alto Ionio si riorganizza. «Pronti per fare impresa»

  1. GIUSEPPE PAGANO 2019/06/20 at 19:33

    Caro Direttore,cosa bisogna fare per diventare socio dellìAssociazione?Mi piacerebbe partecipare non fosse altro per il fine nobile ed edificante della stessa organizzazione sempre presente nel sociale e nel mondo culturale e produttivo per lo sviluppo del nostro territorio.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *