Redazione Paese24.it

Morano. L’ecodistretto non si farà. Passo indietro del sindaco De Bartolo

Morano. L’ecodistretto non si farà. Passo indietro del sindaco De Bartolo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«Se il popolo non vuole l’ecodistretto, l’ecodistretto non si farà». Con questa motivazione, l’Amministrazione comunale revoca la delibera di Giunta con la quale manifestava il proprio interesse a localizzare e pertanto candidare il territorio di Morano, nella fattispecie l’area Pip – zona industriale di c.da Cornale, a sede dell’impianto. Il provvedimento, assunto dall’esecutivo ieri sera, annulla, dunque, il precedente e con esso tutti gli effetti e le conseguenze che ne sarebbero scaturite. Passo indietro del sindaco, Nicolò De Bartolo, il quale fa mea culpa per non aver coinvolto preventivamente la cittadinanza e per aver sottovalutato l’aspetto informativo.

«Avevamo preso questa decisione – dichiarano gli amministratori – alla luce delle conoscenze e delle assicurazioni di cui disponiamo. Abbiamo commesso un errore di valutazione: pensavamo che la nostra comunità fosse pronta per accogliere un tipo di sviluppo economico che noi riteniamo possibile. Ma evidentemente così non è».

«Crediamo che il compito primario di un buon amministratore sia di fare la volontà del popolo e attuarla puntualmente. E’ questa – riferiscono De Bartolo e i suoi – l’unica motivazione che ci spinge a revocare la delibera. Allo stesso tempo confermiamo la nostra condanna verso quanti, strumentalizzando la vicenda, l’hanno trasformata in una questione puramente politica; quanti hanno inteso invadere il campo decisionale di un esecutivo democraticamente eletto; quanti sono scaduti nella diffamazione, nell’offesa e nella denigrazione personale. Ad ogni modo ufficializzeremo il nostro “no” alla realizzazione dell’impianto nel territorio di Morano – sottolineano  De Bartolo e l’intera maggioranza – nell’assemblea dell’ATO convocata per oggi pomeriggio a Cosenza. L’ecodistretto, dunque, non si farà! Ma il problema rifiuti resta. E nel breve periodo si manifesterà prepotentemente. Da domani, con più forza e impegno di prima, lavoreremo per risolverlo».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *