Redazione Paese24.it

“Capitano Ultimo”. Il nuovo assessore dal volto coperto della Regione Calabria

“Capitano Ultimo”. Il nuovo assessore dal volto coperto della Regione Calabria
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

“La delegazione di Roma della Regione Calabria deve essere un motore pulsante della nostra attività, perché buona parte del lavoro si svolgerà proprio qui. Per almeno tre giorni alla settimana lavorerò dagli uffici romani perché è importante che la Calabria torni a dialogare con lo Stato e sia presente a tavoli strategici, così da assicurare un rapporto costante con tutti gli organismi istituzionali presenti nella capitale, in particolare con il Governo e il Parlamento”. Così Jole Santelli, presidente della Regione Calabria, a margine della sua visita, questa mattina, alla delegazione romana dell’ente. Intanto la Santelli ha nominato il primo assessore della sua Giunta. Si tratta di un membro esterno ed è il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio (nelle foto), noto come “Capitano Ultimo”, che nel 1993 arrestò Totò Riina. De Caprio sarà l’assessore all’Ambiente della Regione Calabria. Lo ha annunciato la stessa presidente Santelli nel corso di una conferenza stampa a Montecitorio (nella foto in basso). Il decreto di nomina per il nuovo assessore entrerà in vigore non appena il colonnello De Caprio sarà ufficialmente in aspettativa dal suo incarico.

“Il mio obiettivo è tutelare l’autodeterminazione delle comunità calabresi senza l’interferenza delle mafie di ogni tipo”, ha detto De Caprio, che vive sotto scorta, nel corso della conferenza stampa, dove si è presentato col volto coperto – così come fa da 26 anni quando compare in pubblico – per poter continuare le sue attività investigative, per permettersi l’invisibilità, ma al tempo stesso testimonianza di una vita da braccato per aver arrestato il capo di Cosa Nostra che gli ha giurato vendetta.  Il “Capitano Ultimo” ha lavorato a lungo nel Noe, il Nucleo Operativo Ecologico dei carabinieri.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *