Redazione Paese24.it

Coronavirus. Anche nella Diocesi di Cassano niente messe, matrimoni e funerali

Coronavirus. Anche nella Diocesi di Cassano niente messe, matrimoni e funerali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

«Non disperiamo - è l’appello del vescovo Savino -. Non cediamo alla tentazione dello sconforto!»

Niente più messe, matrimoni e funerali in tutta Italia fino al 3 aprile. Lo comunica la Cei (Conferenza Episcopale Italiana), sottolineando che “si tratta di un passaggio fortemente restrittivo, la cui accoglienza incontra sofferenze e difficoltà nei Pastori, nei sacerdoti e nei fedeli. L’accoglienza del Decreto è mediata unicamente dalla volontà di fare, anche in questo frangente, la propria parte per contribuire alla tutela della salute pubblica”.

Misure, ovviamente, adottate anche dalla Diocesi di Cassano all’Ionio, attraverso la voce del vescovo, monsignor Francesco Savino, il quale, in una lettera ai fedeli «mentre richiama ad avere fiducia nel Signore Gesù, il Risorto, esorta a seguire puntualmente le indicazioni contenute nel decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Conferenza Episcopale Italiana sul decreto “Coronavirus”, delle ordinanze dei sindaci, in qualità di autorità sanitarie locali, degli operatori sanitari».

Chiese aperte, ma messe sospese. I presbiteri sono invitati a celebrare quotidianamente senza popolo. Sospesi anche i matrimoni e le celebrazioni esequiali. «La benedizione della salma – scrive il vescovo Savino – sia celebrata in casa o in cimitero, alla presenza dei soli familiari e rispettando la distanza imposta dalla normativa. La messa in suffragio del defunto sarà concordata con la famiglia quando cesserà l’emergenza. Negli oratori restino chiusi i cortili e gli altri ambienti. Siano sospesi catechesi, incontri, iniziative, riunioni, eventi anche precedentemente fissati. Per quanto concerne il sacramento della riconciliazione è preferibile non utilizzare confessionali».

Monsignor Savino invita i fedeli «a seguire nelle loro case la celebrazione della Santa Messa su emittenti private come TV2000 (canale 28) da cui tutti i giorni vengono trasmessi la Santa Messa alle ore 8.30, l’Angelus alle ore 11.55, la coroncina alla Divina Misericordia alle ore 15.00, il Rosario da Lourdes alle ore 18.00» rivolgendo la proposta a tutta la Diocesi di “essere in comunione nello Spirito” giovedì 12, venerdì 13 e sabato 14, alle ore 20.30, con la recita del Santo Rosario. Chi vuole può seguire la diretta su Telelibera Cassano (canale 92) o su Facebook. Tutta la giornata di venerdì 13 sarà dedicata alla preghiera e all’astinenza. Alle ore 19.00, il vescovo celebrerà la “Via Crucis” (Telelibera Cassano e Facebook) in comunione con tutti coloro che sono contagiati dal Coronavirus. Non manca, infine, il pensiero e il ringraziamento di monsignor Savino a tutti coloro che sono impegnati nelle strutture sanitarie: i medici, gli infermieri, gli operatori sociosanitari. «Non disperiamo! – è l’appello di don Francesco -. Non cediamo alla tentazione dello sconforto».

Federica Grisolia

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *