Redazione Paese24.it

Emergenza Rifiuti. Ordinanza Santelli riapre discarica di Castrovillari. Ma il sindaco non ci sta

Emergenza Rifiuti. Ordinanza Santelli riapre discarica di Castrovillari. Ma il sindaco non ci sta
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Ieri notte la presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, ha diffuso un’ordinanza molto complessa in materia di gestione di rifiuti in questa fase emergenziale: “Urgenti misure per assicurare la corretta gestione dei rifiuti urbani anche correlate alla prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

Verranno riattivate e attivate alcune discariche. In questo contesto, la Comunità d’Ambito di Cosenza, ad esempio, dovrà procedere entro 20 giorni all’individuazione del sito di ubicazione della discarica di servizio dell’impianto di trattamento ubicato nel Comune di Corigliano-Rossano. Sarà ripreso, invece, nel comune di Castrovillari, il conferimento nella discarica in località Campolescia (chiusa dal 2003), autorizzata con DDG n. 11591 del 8.8.2013, salva diversa valutazione dell’autorità giudiziaria. L’ordinanza regionale prevede che raggiunto il limite di 20.000 mc, il Comune di Castrovillari potrà procede alla chiusura definitiva della discarica.

Questa misura non è di gradimento, per usare un eufemismo, al sindaco Domenico Lo Polito. «Non esiste alcuna gestione dell’impianto: come si potrebbe riprendere il conferimento? – commenta il primo cittadino di Castrovillari -. In secondo luogo la Regione Calabria ordina al Comune di Castrovillari – continua –  la chiusura della stessa. Con quali risorse economiche? Non è che la volontà è di riprendere i conferimenti e poi si vedrà?». Lo Polito e l’assessore comunale all’Ambiente, Pasquale Pace, ribadiscono come la volontà di questa Amministrazione Comunale sia quella di voler chiudere definitivamente la discarica che si trova, lo ricordiamo, in un’area dove insiste un distretto agricolo di qualità.

Vincenzo La Camera

 

 

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *