Redazione Paese24.it

Trasporti, “Terra e Popolo” sabato si mobilita per il restyling delle ferrovie locali

Trasporti, “Terra e Popolo” sabato si mobilita per il restyling delle ferrovie locali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La locandina dell'appuntamento organizzato da "Terra e Popolo"

Una giornata di mobilitazione popolare sul tema dei trasporti e della mobilità pubblica. Questa è l’iniziativa (accompagnata dallo slogan “La presa del treno perduto”) organizzata dal movimento “Terra e Popolo” per la mattinata di sabato 15 settembre nelle stazioni ferroviarie di Sibari e Rossano, e che punta a coinvolgere i cittadini della Sibaritide. La manifestazione, ovviamente, mira a porre l’attenzione delle istituzioni e dei media sul bistrattato sistema ferroviario della fascia jonica cosentina. «Le nostre ferrovie – fanno sapere i responsabili di “Terra e Popolo” – sono ormai un rottame inutile e spostarsi dalla costa ionica è un’impresa ardua e costosa».

Per i coordinatori del movimento, l’appuntamento di sabato sarà «una giornata con cui avvieremo un percorso unitario fra tutti i territori interessati, il primo atto di una mobilitazione costante e permanente. Una giornata di lotta senza compromessi, perché lo stato disastroso delle cose ci dimostra che le nostre comunità non hanno interlocutori ma solo controparti, a cui è giunto il momento di imporre la volontà popolare». “Terra e Popolo” fissa anche gli obiettivi da raggiungere, a lungo termine, partendo da questa prima giornata di mobilitazione. «La restaurazione delle tratte a lunga percorrenza; la riapertura e messa in funzione delle stazioni, con servizi annessi e un piano di investimenti sulle ferrovie del meridione ed in particolare della fascia ionica che riequilibri l’assetto ferroviario nazionale, con raddoppio, messa in sicurezza ed elettrificazione della rete ionica».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *