Redazione Paese24.it

Spirlì benedice Unione dei Comuni. Nell’Alto Jonio al via le passerelle elettorali

Spirlì benedice Unione dei Comuni. Nell’Alto Jonio al via le passerelle elettorali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Si avvicinano le Elezioni Regionali (si terranno, Covid premettendo, subito dopo l’estate) e, come per miracolo, nell’Alto Jonio cominciano le passerelle degli aspiranti alle poltrone di Palazzo Campanella. Anche di quelli che scoprono solo ora che in Calabria c’è anche l’Alto Jonio Cosentino, con un territorio aspro ma bellissimo, con ben 16 comuni, per la maggior parte montani, con le loro aspettative e i loro problemi mai risolti. A partire dalla sanità, ma non solo! Ad aprire la serie delle passerelle ci ha pensato, nella giornata del 30 giugno 2021, il Presidente facente funzioni della Regione Calabria Nino Spirlì arrivato nell’Alto Jonio (per la prima volta dopo circa un anno!) per benedire e sottoscrivere l’atto di indirizzo attraverso cui viene avviata la procedura per l’istituenda Unione dei Comuni Montani dell’Alto Jonio di cui faranno parte Albidona, Alessandria del Carretto, Canna, Castroregio, Montegiordano, Nocara, Oriolo e Plataci che hanno deciso di intraprendere un percorso comune provando a fare rete ed a fare sintesi delle proprie risorse e delle proprie fragilità.

Peggio di lui, per la verità, aveva fatto l’ex Presidente Scopelliti, arrivato per la prima volta nell’Alto Jonio Cosentino dopo oltre 4 anni di mandato per inaugurare e mettere… il cappello sulle gallerie di Montegiordano. Tanto a conoscenza della geografia della Calabria, l’allora governatore della Calabria, da incorrere, nel corso del suo intervento, in una storica gaff in cui affermò che le suddette gallerie collegavano la Calabria con la Basilicata. Come l’allora Presidente Scopelliti, l’attuale Governatore Spirlì ha però bypassato i Comuni più grandi e più importanti del Comprensorio (Trebisacce, Villapiana, Amendolara, Francavilla, Rocca Imperiale… per fare tappa prima a Canna dove in mattinata è stato accolto dal Sindaco e dagli Amministratori locali presso Palazzo Jelpo e quindi a Nocara nel cui Municipio Spirlì, alla presenza dei suddetti Sindaci (nella foto), ha sottoscritto l’atto di indirizzo attraverso cui è stata avviata la procedura per l’istituzione dell’Unione dei Comuni Montani dell’Alto Jonio.

«È un grande privilegio – ha affermato il Presidente Spirlì – essere testimone della nascita di questa Unione dei Comuni. Una Unione – ha aggiunto – che significa futuro e rende più forti le comunità delle aree interne, che rischiano la perdita dei servizi e l’ulteriore spopolamento». Nel pomeriggio il Presidente Spirì, si è recato per una visita istituzionale ad Oriolo dove, accolto dalla Sindaca  Simona Colotta e dagli amministratori locali, ha fatto una visita istituzionale e visitato il Castello Normanno e la Chiesa Madre intitolata a San Giorgio Martire. Un giorno di incontri e di speranza, dunque, per queste comunità che, convinte che l’unione fa la forza, provano a ridare vita all’ex Comunità Montana dell’Alto Jonio che, se non altro, riusciva a tenere insieme ed a fare massa tutti i Comuni del Comprensorio. L’auspicio è che la nascente nuova Unione dei Comuni Montani dell’Alto Jonio non abbia lo stesso triste destino toccato all’Unione dei Comuni “La Via del Mare”, abortita ancora prima di nascere.

Pino La Rocca

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments