Redazione Paese24.it

Rossano. Dieci infermieri in malattia. «In Calabria un immediato piano di assunzioni»

Rossano. Dieci infermieri in malattia. «In Calabria un immediato piano di assunzioni»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

«Sanità pubblica rischia di essere demolita. Via subito il commissario»

«La notizia che al “Giannettasio”, l’ospedale Rossano, dieci infermieri siano in malattia contemporaneamente deve destare preoccupazione. Se un numero così elevato di persone si assenta dal lavoro per malattia, o sta accadendo qualcosa di serio e grave dal punto di vista medico o si tratta ancora una volta di una prova della cattiva gestione della sanità pubblica regionale». E’ l’allarme lanciato dal Comitato Sanità Pubblica Pollino. «Dopo mesi e mesi di superlavoro e turni lunghi ben oltre quanto previsto dal contratto nazionale del lavoro (qualcuno parla di turni di 18 ore) non si può biasimare un’azione che potrebbe assumere il senso di necessitato ammutinamento, le cui conseguenze tuttavia sono a carico e a danno di chi ha bisogno di cure».

La professione infermieristica ricordano dal comitato «è tra le professioni più faticose, e con le nuove disposizioni e con il nuovo codice deontologico, anche tra le più cariche di responsabilità, a cui non corrisponde un adeguato riconoscimento economico. Lo scarso interesse politico verso il rilancio della sanità pubblica, che in Calabria spesso si traduce in vero e proprio affossamento della stessa per favorire la sanità privata, determina condizioni di lavoro insostenibili, aggravate dalla mancanza di risorse economiche e umane. Al disinteresse politico o all’interesse politico verso la demolizione della sanità pubblica, si aggiunge, e non è un caso, l’incapacità gestionale del commissario governativo, la cui inadeguatezza è sotto gli occhi di tutti e di tutte».

Alla luce anche di questo, il Comitato Sanità Pubblica Pollino ribadisce «la necessità urgente di porre fine al commissariamento. La sostituzione dell’attuale commissario con un’altra persona non risolverebbe il problema. Abbiamo vissuto per anni il susseguirsi di commissari governativi e il risultato è stato addirittura il peggioramento delle condizioni generali della sanità pubblica e l’aggravamento del debito. Ribadiamo anche l’urgenza di attivare un piano di assunzione di personale sanitario medico, infermieristico e assistenziale con investimento nella medicina di prossimità e soprattutto nella prevenzione, di fatto annullata da due anni di pandemia».

Redazione

 

 

 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments