Redazione Paese24.it

Amministrative ad Albidona. Verso le due liste. Probabile rinuncia dell’attuale sindaca

Amministrative ad Albidona. Verso le due liste. Probabile rinuncia dell’attuale sindaca
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Elezioni Amministrative ad Albidona: verso la semplificazione del quadro politico in vista della consultazione elettorale fissata, come è noto, per domenica 3 e lunedì 4 ottobre in contemporanea con le Elezioni Regionali. A sentire i rumors provenienti dal piccolo centro montano confinante con Trebisacce, sarebbero infatti solo due, rispetto alle Amministrative del 2016 in cui ai nastri di partenza c’erano 3 Liste, le compagini aspiranti alla guida del Comune. Effetto, questo, della drastica riduzione delle persone che oggi intendono occuparsi in modo diretto di politica e la disaffezione dei giovani che, come si ricorderà, in occasione dell’ultima tornata, hanno animato la campagna elettorale e contribuito a rompere gli equilibri politici cristallizzatisi nel corso degli ultimi 50 anni di politica locale.

Questa volta le liste in competizione dovrebbero essere solo due che, in linea di massima, si possono identificare nelle due attuali componenti di Maggioranza e di Opposizione: la Lista che, largamente rinnovata rispetto al passato anche a causa di dissapori interni, si candida per la continuità amministrativa la quale, data per molto probabile la rinuncia dell’attuale sindaco Filomena Di Palma, dovrebbe essere guidata dall’attuale Vice-Sindaco Giuseppe Salandria (nella foto) e la lista che si candida per il cambiamento che sarà sicuramente guidata dal capogruppo di Minoranza Giuseppe Lizzano (nella foto in basso). Certo il quadro politico non è definitivo, ma è difficile ipotizzare il ritorno alle tre Liste anche perché, venuta meno la forza propulsiva dei giovani, si parla di difficoltà sia dell’una che dell’altra componente politica a riempire le caselle delle due liste. Non è comunque detta l’ultima parola perché, sempre a sentire le voci che circolano in paese, ci sarebbero altri possibili candidati.

Sempre secondo i “si dice”, uno di questi, oltre ad alcuni protagonisti della politica locale al momento “fuorigioco” per scelta, potrebbe essere Michele Middonno che comunque pare abbia declinato l’invito a candidarsi e l’altra potrebbe essere l’ex assessore di Maggioranza Caterina Munno consigliere comunale uscente che nel corso dell’ultima consiliatura ha abbandonato, a causa di divergenze politiche, l’attuale Maggioranza continuando però a impegnarsi nel sociale sia come consigliere comunale “indipendente” che come responsabile sindacale.

Per l’ex assessore, fallito il tentativo di coinvolgere ancora una volta i giovani che si sarebbero disamorati della politica, l’ideale sarebbe l’auspicabile superamento delle contrapposizioni politiche che hanno finito per lacerare il tessuto sociale della comunità e quindi l’approdo ad una sola aggregazione politica ma, da quanto è dato sapere, fallito il tentativo dei giovani di risanare le antiche lacerazioni, la comunità sarebbe tuttora spaccata in due tanto che anche l’esito del voto del 3 e 4 ottobre sarebbe abbastanza incerto. Consultazione elettorale a cui comunque, per sua diretta ammissione, Caterina Munno, pur essendo stata consultata da entrambi i due potenziali competitor, non sarebbe interessata e il cui esito finale, come si diceva, non è per niente scontato e molto dipenderà dalla composizione delle due liste che, a meno di improbabili novità, dovrebbero dar vita alla prossima campagna elettorale.

Pino La Rocca

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments