Redazione Paese24.it

Rossano. Piccoli allievi “piantano” un albero di carta contro l’inciviltà degli adulti

Rossano. Piccoli allievi “piantano” un albero di carta contro l’inciviltà degli adulti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Un albero di carta, invece di uno naturale, per lanciare un messaggio forte di provocazione e di denuncia contro l’inciviltà purtroppo diffusa che non riesce a rispettare come si dovrebbe, il verde e gli spazi pubblici. È con questa iniziativa di protesta colorata, pacifica, creativa e sorridente che, in occasione della Giornata Internazionale dell’Albero (21 novembre), le bambine ed in bambini del Polo dell’Infanzia accreditato Magnolia (Scuola Materna e Asilo Nido) di Corigliano-Rossano, nei giorni scorsi, hanno “piantato” il loro lavoretto in cartone a forma di albero nel bel mezzo dell’aiuola che quella comunità scolastica ha ufficialmente adottato ormai da anni e che però viene sistematicamente offesa, deturpata, derubata delle sue piante.

A darne notizia è Teresa Pio Renzo, direttrice della struttura, sottolineando che i destinatari principali del messaggio, della provocazione e dell’appello al rispetto dell’ambiente ed alla tutela quotidiana e personale del decoro pubblico sono gli adulti; «gli stessi che – scandisce – pretendono il massimo da tutte le agenzie educative per i loro figli. Col sorriso e con parole semplici – continua – abbiamo voluto trasmettere indirettamente un messaggio anche ai piccoli attori protagonisti delle nostra scuola, che ricordavano di essere stati accompagnati più volte nella loro bella aiuola a piantare ed innaffiare per davvero fiori e arbusti naturali e che da oggi ricorderanno di aver realizzato e posato su quel pezzo di terra, stranamente, un albero finto, simbolo di ciò che non va!».

«Ma come si può pretendere contenuti di rispetto, legalità e atteggiamenti civili da quanti sono preposti all’insegnamento ed alla cura dei più piccoli e delle nuove generazioni se poi – si chiede la direttrice che continua a denunciare atti di vandalismo a tutte le autorità preposte – si è di fatto costretti a subire continuamente furti di piante messe a dimora dai bambini di un asilo o a non poter frequentare liberamente pochissimi metri quadrati di verde adottati per amore, a causa di rifiuti e deiezioni selvagge di cani domestici portati proprio lì a guinzaglio?».

 «Il nostro augurio – conclude la Renzo – è duplice: che i più piccoli possano trasferire, ai loro genitori ed agli adulti in generale, la loro simpatica amarezza per non aver potuto piantare un albero vero; e che noi possiamo continuare ad investire risorse per abbellire e rendere ancora più accogliente per tutti quell’aiuola cui teniamo tanto» .

Redazione

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments