Redazione Paese24.it

Il Parco Giochi di Lauropoli porterà il nome del Beato Carlo Acutis

Il Parco Giochi di Lauropoli porterà il nome del Beato Carlo Acutis
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Con lo scopo di trasmettere ai giovani un modello di vita sano di un adolescente contemporaneo

Print Friendly, PDF & Email

Sarà intitolato al Beato Carlo Acutis il parco giochi di via Borsellino a Lauropoli di Cassano allo Ionio, ubicato nei pressi della parrocchia dei Sacri Cuori di Gesù e Maria. L’Amministrazione Comunale, su proposta del sindaco Gianni Papasso, intende intitolare questo parco giochi, che al momento non presenta nessuna denominazione, a Carlo Acutis, nato il 3 maggio 1991 a Londra, deceduto, a soli 15 anni, il 12 ottobre 2006 e beatificato ad Assisi il 10 ottobre 2020. Nell’atto deliberativo dell’esecutivo, a sostegno dell’iniziativa, si prende atto, che già in tenerissima età il Beato Carlo Acutis manifestava il suo attaccamento alla fede in Cristo ed alla Vergine Maria, tanto da essere ammesso alla prima comunione all’età di soli sette anni. Costante è stato il suo impegno nel volontariato, soprattutto nei confronti di bambini, e anziani e poveri della mensa della Caritas.

Carlo Acutis (nella foto sotto), si è rivelato, pertanto, un bambino si straordinaria intelligenza, dotato di una geniale capacità nell’uso dell’informatica, in grado di accedere ai segreti che tale mondo nasconde e che sono normalmente accessibili solo a chi ha compiuto studi universitari. Patito di internet, come tanti suoi coetanei, riteneva tale strumento un “veicolo di evangelizzazione e di catechesi” e che sul web è ancora presente (www.miracolieucaristici.org). Sta facendo il giro del mondo, la mostra virtuale progettata e realizzata da Carlo Acutis a soli 14 anni. Acquisita la relazione del sindaco sull’operato del Beato Carlo Acutis e quello di Regolarità Tecnica del Segretario Generale, la Giunta, ritenendo di dover intitolare al Beato Carlo Acutis il Parco Giochi di Lauropoli (nella foto copertina), allo scopo di tramettere ai giovani che vivono un’epoca contrassegnata dall’omologazione e dall’uso smodato dei social, il modello di vita di un adolescente del nostro tempo, perché attraverso il suo esempio imparino ad essere “originali e non fotocopie” e ad usare i mezzi di comunicazione per diffondere bellezza e valori, considerata la necessità a norma di legge di legge in materia, ha deliberato di richiedere la relativa autorizzazione al Prefetto di Cosenza. L’Ufficio Tecnico Comunale – Settore LL.PP., è stato incaricato di apporre all’ingresso del citato Parco Giochi appropriata targa segnaletica con l’indicazione della denominazione.

v.l.c.

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments