Redazione Paese24.it

Rossano. “Che battito ha il mio cuore?”. Via Crucis diocesana dei padri Giuseppini

Rossano. “Che battito ha il mio cuore?”. Via Crucis diocesana dei padri Giuseppini
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

di Antonio Le Fosse – La Via Crucis Diocesana, presieduta da Maurizio Aloise (Arcivescovo della Diocesi di Rossano-Cariati) ha avuto luogo, nella serata di venerdì 22 marzo 2024, al Palazzetto dello Sport “Pietro Ianni” dello Scalo, a cura dei padri Giuseppini.  Il tema scelto è stato quello di “Un cuore che arde per la missione”. La Via Crucis è stata animata dai canti religiosi eseguiti dal Coro Diocesano Giovanile “Scintille di Luce” Carlo Acutis diretto da Mario Graziano. Presenti tanti fedeli e le diverse Confraternite dell’intera Diocesi di Rossano-Cariati. Il padre Arcivescovo, prima della benedizione finale, si è soffermato sul tema scelto quest’anno. Che battito ha il mio cuore? Con questo invito a interrogarsi S. E. Mons. Maurizio Aloise ha concluso, con la sua riflessione, la Via Crucis Diocesana. Una riflessione che ha mosso i passi dal testo di suor Maria Emmanuel Corradini, medico e, dal 2012, madre Badessa del monastero benedettino “San Raimondo” in Piacenza per spiegare come il battito di un cuore spesso è “bradicardico”, lento perché oppresso dalla tristezza e dalle prove, che rischia di anche di fermarsi, oppure “tachicardico”, quando la lussuria, la smania di possedere sempre di più ne accelerano il battito. Poi c’è il ritmo sinusale, quello normale, quello di un cuore che si apre alla misericordia di Dio che incarna la Parola e che si rivolge ai fratelli e al mondo vivendo la missione di cristiani.

Nelle 14 stazioni la meditazione ha condotto a riflettere sui cuori infuocati dalla passione, dalla giustizia, sorretti dalla pazienza, alla grazia del perdono, senza perdere di vista l’umiltà e la mitezza, ascoltando lo Spirito Santo. Per ogni stazione è stato deposto un segno ai piedi della croce e della statua dell’Addolorata del patrimonio statuario della Congrega di Maria Ss.ma dei Sette Dolori di Corigliano eccezionalmente portati al Palazzetto dello Sport “Pietro Ianni” di Rossano.

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments