Redazione Paese24.it

Amendolara, “Una notte al Convento”. La musica riapre il portone della chiesa dei Domenicani

Amendolara, “Una notte al Convento”. La musica riapre il portone della chiesa dei Domenicani
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

orchestra rocca convento amendolaraSi riapre il portone della chiesa dei Domenicani ad Amendolara. La struttura, che si erge oggi nel cuore del rione Timpone, edificata agli inizi del 1500, ha ospitato sabato sera un evento musicale che ha visto la partecipazione di un buon numero di cittadini attirati anche dalla curiosità (per tanti la prima volta) di varcare la soglia della chiesa che oggi è di proprietà comunale. La chiesa, che rientra nel più vasto complesso conventuale (rimasto di proprietà privata) si presenta in uno stato dignitoso anche a seguito del recente restauro che he visto principalmente il rifacimento del tetto.

“Una notte al convento” ha ospitato l’orchestra degli alunni dell’Istituto Comprensivo di Rocca Imperiale guidato dal dirigente reggente Walter Bellizzi. I circa trenta giovani musicisti delle tre classi della Scuola Secondaria di Primo Grado stanno facendo notevoli progressi sotto la guida dei maestri di musica Monica Scarano (chitarra), Silvana Lamanna (violino), Raffaele Pica (pianoforte) e Vincenzo Fusaro (tromba) tanto da varcare i confini rocchesi e presentarsi per la prima volta di fronte ad un pubblico esterno.

convento amendolara natale '13Dopo la performance dei giovani musicisti, il Comune di Amendolara, rappresentato dal sindaco Antonello Ciminelli e dal vice Gregorio Scigliano, hanno omaggiato i maestri di musica con una targa a ricordo della serata. Stesso riconoscimento per la scuola di Rocca Imperiale rappresentata per l’occasione dal vice preside Franco Gerundino. Alla giovane orchestra di Rocca Imperiale è subentrata, nella seconda parte della serata, la banda di Villapiana per un concerto. Nel corso della serata nel piazzale antistante la chiesa sono state distribuite le caratteristiche “crisp”, preparate al momento.

Con l’evento di sabato sera il Comune di Amendolara ha inteso aderire all’iniziativa del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo “Una notte al Museo” che ha visto l’apertura (con ingresso gratuito) di numerosi musei e beni architettonici nazionali.

Ora, i cittadini di Amendolara si augurano che la chiesa del Convento di San Domenico possa occupare le prime pagine dell’agenda dell’Amministrazione Comunale per far sì che “Una notte al Convento” non resti un esempio isolato.

Vincenzo La Camera

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *