Redazione Paese24.it

Attraccato a Corigliano mercantile con 450 profughi. Saranno trasferiti nei centri di altre regioni d’Italia

Attraccato a Corigliano mercantile con 450 profughi. Saranno trasferiti nei centri di altre regioni d’Italia
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Foto di Antonio Le Fosse

Foto di Antonio Le Fosse

E’ arrivato nel porto di Corigliano Calabro, nella tarda serata di venerdì (2 gennaio), il mercantile “Ezadeen” con a bordo 450 profughi abbandonati dall’equipaggio in alto mare. Il mercantile, lungo una sessantina di metri con bandiera della Sierra Leone, è stato individuato da un aereo delle Capitanerie di Porto a 80 miglia ad Est di Crotone. Via radio uno dei presunti migranti a bordo ha riferito che l’imbarcazione è stata abbandonata dall’equipaggio e che naviga senza nessun uomo al timone. A bordo, come detto, circa 450 persone (tra cui bambini e donne incinte).

Subito dopo il messaggio d’aiuto è stato chiesto e ottenuto l’impiego della nave islandese Tyr della missione Frontex che ha intercettato il mercantile intorno alle 18:50 di giovedì sera. I profughi, al termine delle operazioni di soccorso, saranno trasferiti in strutture di accoglienza collocate fuori dai confini calabresi quali: Campania, Sicilia, Toscana e Lombardia, come ha spiegato il Prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, dal momento che nella Regione non ci sono disponibilità nei centri di accoglienza attivi.

Sulla banchina, oltre all’imponente macchina dei soccorsi, con Protezione Civile e Croce Rossa in testa, c’era anche il Questore di Cosenza, Luigi Liguori, i vertici della Guardia di Finanza, dei Carabinieri e della Polizia di Stato, ma anche il Presidente della Provincia di Cosenza, Mario Occhiuto, che ha seguito direttamente le operazioni di prima accoglienza nell’area portuale della città ausonica. Massiccia, inoltre, la presenza degli operatori del 118, con al seguito medici e infermieri professionali, degli ospedali di Corigliano e Rossano. Encomiabile, infine, il lavoro dei soccorritori.

Antonio Le Fosse

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *