Redazione Paese24.it

Trebisacce, sale la tensione al Consorzio di Bonifica. «Presidente tenta di forzare blocco dei lavoratori»

Trebisacce, sale la tensione al Consorzio di Bonifica. «Presidente tenta di forzare blocco dei lavoratori»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il racconto dei sindacati. Intanto gli operai non percepiscono stipendio da mesi

Download PDF

Si acuisce la tensione tra gli operai del Consorzio di Bonifica che non percepiscono da oltre tre mesi il salario e la tredicesima (da ieri mattina presidiano l’ingresso della sede del Consorzio, nelle foto) e la dirigenza dell’ente consortile che rifiuterebbe di dialogare con la controparte. Le organizzazioni sindacali di categoria, Flai-Cgil, Fai-Cisl e Filbi-Uila, se la sono presa in particolare con il presidente Marsio Blaiotta il quale, «in presenza di oltre una cinquantina di operai che stazionavano davanti ai cancelli dell’ente, – si legge nella nota sindacale – ha messo in atto il tentativo reazionario di forzare il blocco dei lavoratori con la propria auto, mettendo a rischio l’incolumità di alcuni presenti».

Occup. Consorzio«I sindacati – si legge ancora nella nota sottoscritta da Michele Sapia, Giuseppe De Lorenzo e Antonio De Gregorio – denunciano da tempo la totale assenza dell’informazione sulle attività consortili che getta un’ombra sulla governance dell’ente. Un modo di fare che non ha precedenti e che, a parere delle organizzazioni sindacali, non qualifica né la rappresentanza della proprietà, né gli organi regionali di controllo».

Dopo aver richiamato i punti salienti della piattaforma sindacale, a partire dal pagamento delle mensilità arretrate, la nota sindacale conferma lo stato di agitazione affermando che: «la protesta continuerà sotto altre forme e in diversi tempi prevedendo, in mancanza della una ripresa seria e rispettosa del dialogo, anche la richiesta formale alla Regione di verificare le condizioni di permanenza dell’attuale vertice consortile».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *