Redazione Paese24.it

Oriolo. Dopo maltempo, situazione critica. Sindaco scrive al prefetto

Oriolo. Dopo maltempo, situazione critica. Sindaco scrive al prefetto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Persiste il problema viabilità nel comune di Oriolo e il sindaco Bonamassa scrive al Prefetto, chiedendo un urgente tavolo tecnico per trovare una soluzione adeguata. Le piogge dei giorni scorsi hanno peggiorato la situazione già critica – come riportato in tempo reale dal nostro giornale – della Sp 156 che collega Oriolo a Sam Giorgio Lucano (Mt) attraversando la frazione di Santa Marina; con la strada dei “Cappuccini” chiusa al traffico da tempo e con i collegamenti per i comuni di Montegiordano, Canna e Nocara di fatto bloccati.

Ma oltre al danno la beffa, con l’Italia non nuova a simili scenari grotteschi. Il Comune di Oriolo ha beneficiato di un finanziamento di 800.000 mila euro da investire appunto sulla strada dei “Cappuccini” e sull’area del vecchio cimitero in località “Martuccia”, distrutto con la frana del 1973. Ma i lavori di messa in sicurezza non possono partire poichè il finanziamento è bloccato dal “patto di stabilità”, nonostante il Comune di Oriolo – da come lamenta il sindaco – abbia già contratto il mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti, pagando addirittura le prime due rate. Questione diversa per la strada provinciale 156, di cui è competente appunto la Provincia, e che ancora oggi attende importanti interventi strutturali lungo più chilometri.

Nel frattempo sono ingenti i danni economici per aziende agricole, agriturismi che insistono nelle contrada; nonchè gravi disagi per le famiglie nel recarsi al lavoro o nell’accompagnare i figli a scuola. Le strade alternative utilizzate dai cittadini per raccordarsi all’arterie principali risultano anch’esse malmesse o comunque assoggettate a tempi di percorrenza dilatati: come ad esempio imboccare la Sinnica per poi raggiungere la Jonica a Policoro (Mt) quando la Sp 156 viene chiusa al traffico causa maltempo. Tempo di percorrenza: almeno un’ora!

Anche la situazione del vecchio cimitero è alquanto problematica, con diversi loculi che rischiano di crollare e tante sepolture ancora inumate e con il pericolo igienico-sanitario per la popolazione dietro l’angolo. Oltre ad alcune zone del centro storico anch’esse a rischio crolli. Tale infelice situazione in cui versa il Comune di Oriolo, sempre più vittima del dissesto idrogeologico, hanno indotto il sindaco a chiedere questo incontro urgente al Prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, con la lettera (spedita questa mattina, giovedì) che per conoscenza è stata inoltrata anche al presidente della Regione Oliverio, al presidente della Provincia Occhiuto, alla Protezione Civile regionale e nazionale, all’Autorità di Bacino Calabria, al comando provinciale dei Vigili del Fuoco, alla Polizia di Castrovillari, ai Carabinieri e alla Forestale di Oriolo.

Vincenzo La Camera

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *