Redazione Paese24.it
COMMENTI

Oriolo, incubo frana alle porte del paese

C'è preoccupazione. Organizzato presidio notturno

Oriolo, incubo frana alle porte del paese
Diminusci Dimensioni Aumenta Dimensioni Dimensioni Testo Stampa Articolo
Download PDF

Resta critica la situazione ad Oriolo. E dopo le contrade, l’incubo frana minaccia da questa notte anche il paese. Negli occhi di tanti è ancora impressa la frana che nel 1973 interessò parte dell’abitato e distrusse il cimitero (quello che rimane è visibile ancora oggi all’ingresso del paese sulla Ss 481).

Questa notte l’ennesimo movimento franoso di questi giorni, dovuto alle costanti piogge, ha interessato la parte alta del paese, zona “Cappuccini” e rione “Croci”, con una paio di abitazioni minacciate da vicino. Il paese è in allerta. In Comune è attivo ormai da giorni il C.O.C. della Protezione Civile. L’Amministrazione Comunale ha reclutato anche alcune ditte esterne per cercare di creare dei percorsi alternativi all’acqua scavando dei fossi di scolo provvisori nei terreni.

1Stamattina ad Oriolo c’è stato anche Carlo Tansi, geologo del C.N.R. e mentre scriviamo sono presenti i Vigili del Fuoco, i carabinieri, la Forestale. Bisogna capire l’effettivo rischio che corre questa zona abitata del paese che si vede la frana di fronte al proprio naso, per poter eventualmente effettuare gli sgomberi delle case. Da queste parti ricordano un’altra frana che nel 1951 destò molta preoccupazione.

La frana viene monitorata costantemente. Anche per questa notte si sta organizzando un presidio di Protezione Civile con alcuni faretti che illumineranno la collina, sperando che il movimento franoso si blocchi e il terreno nei prossimi giorni possa consolidarsi. Intanto le previsioni meteo per le prossime ore, dopo la giornata di sole odierna, prevedono varibilità non escludendo momenti di pioggia.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *