Redazione Paese24.it

Canna, cittadini denunciano presenza di amianto sul territorio. Procura sequestra area

Canna, cittadini denunciano presenza di amianto sul territorio. Procura sequestra area
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

La diffusa presenza di amianto sul territorio comunale di Canna fa paura: i cittadini ne denunciano la presenza ed ecco scattare il sequestro cautelare dell’area interessata da parte della Procura della Repubblica di Castrovillari. La zona interessata al sequestro eseguito dai Carabinieri di Rocca Imperiale in data 27 aprile scorso si trova in contrada “Pilaza” ma, a leggere la denuncia presentata alle Forze dell’Ordine, di amianto sparso sul territorio comunale, smaltito in modo furtivo e fraudolento a causa di ignoranza e di una educazione ambientale molto approssimativa, ce ne sarebbe anche in altri posti.

Ecco perché i cittadini si ribellano e, pur sapendo che lo smaltimento ha dei costi perché deve essere effettuato da personale specializzato ed in forma protetta, pretendono che il comune, d’intesa con l’Asp, se ne faccia carico al più presto. A rivolgersi alle Forze dell’Ordine, a cui ha presentato una circostanziata denuncia corredata da una serie di foto, è stata la signora Caterina Pisilli la quale, oltre a darne comunicazione all’Asp, ha informato anche l’Osservatorio di Legambiente.

«Canna è un paese meraviglioso, – scrive la signora Pisilli – pieno di bellezze naturali, d’immenso verde, circondato da ulivi secolari e querce giganti e tutti pensano che abitare a Canna sia bello e salutare. Invece non è così. Circa un mese fa – scrive infatti Caterina Pisilli – durante una passeggiata in cerca di asparagi, ho scoperto una discarica di amianto a cielo aperto. Non credevo ai miei occhi, una discarica abusiva vera e propria, di cui si ignora l’esistenza nonostante che, da quanto si apprende, quel materiale, altamente cancerogeno, sia lì da parecchi anni, tant’è che la maggior parte del materiale è ricoperto da terra e da vegetazione spontanea. In realtà risulta che quello non sia l’unico sito di stoccaggio di amianto. Non si tratta – aggiunge la signora Pisilli – solo di lastre di eternit, bensì di pezzi di questo materiale altamente inquinante che non superano la grandezza di una mano, probabilmente frutto di più demolizioni». Poi la signora Pisilli cita la legge 257 del 1992 che ha messo al bando l’amianto come “rifiuto speciale” altamente cancerogeno. «Il problema – aggiunge la Pisilli – è che non c’è stata, da parte degli organi competenti, alcuna informazione nei confronti dei cittadini, né è stato fatto qualcosa per arrestare il problema dello smaltimento abusivo».

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *