Redazione Paese24.it

Castrovillari, il gruppo folk “Pro Loco” festeggia 90 anni

Castrovillari, il gruppo folk “Pro Loco” festeggia 90 anni
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si alza il sipario sui festeggiamenti dei 90 anni del Gruppo Folklorico “Pro Loco” di Castrovillari. Location dell’evento, per sette giorni (fino al 14 luglio), il Castello Aragonese, vestito a festa con una serie di mostre fotografiche, di costumi tipici, video e strumenti musicali, che ripercorrono la storia di questo sodalizio insignito di numerosi premi a livello nazionale ed internazionale. Un gruppo che ha portato le tradizioni castrovillaresi nei cinque continenti e che gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio, nella persona del premier Giuseppe Conte, della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, del Parco del Pollino, dello IOV Italia, della FITP, del gota dell’antropologia nazionale  e del Mibact.

Si può ripercorrere il “Giro del Mondo  in 90… anni”, attraverso immagini di artisti calabresi, con la collaborazione del Fai Pollino. In mostra gli abiti nuziali tradizionali del “Cuzzo e della Pacchiana”, quest’ultimo sfolgorante di colori e ricamato in oro zecchino. Ed ancora, manifesti, oggetti, doni e premi legati ai momenti istituzionali, mostre fotografiche del tempo che passa, momenti attuali e mostra di strumenti tradizionali e degli almanacchi. Inoltre, il Gruppo visto con gli occhi dei bambini. Una mostra di disegni e foto realizzati dagli alunni della Scuola primaria 1° Circolo Villaggio Scolastico, che si è piazzato al secondo posto del concorso, 1° Circolo Plesso “Vittorio Squillaci”, Istituto Vittorio Veneto, che si è classificato al primo e terzo posto, per le scuole primarie, 2° Circolo “SS Medici”, terzo posto del concorso artistico “90 anni di storia”, Scuola secondaria “Enrico De Nicola” primo e terzo posto, per le suole secondarie  e Plesso Via Roma, secondo classificato nella stessa categoria. La premiazione è avvenuta prima del raduno per Gruppi Folkloristici di bambini.

Ad aprire la serata – presentata da Carlo Catucci – il gruppo “I Castruviddari”, diretto da Ines Visciglia e Carmine Martino,  d’appartenenza all’associazione “Aldo Schettini”, il quale nel 1929 diede vita al gruppo “I Canterini di Castrovillari”. Grazie a questa intuizione si aprì la strada al folklore castrovillarese. A seguire, il minifolk “Città di Castrovillari”, nato nel 2018 in collaborazione con Circolo della Cultura di Cammarata, diretto Antonio Notaro e da altri collaboratori, con l’intento di tramandare le tradizioni popolari castrovillaresi.

A chiudere la serata, animata dall’esibizione di giovani artisti amanti delle tradizioni e della fisarmonica (Francesco Munno, 9 anni, Eugenio Gallo 13 anni  e Leo Antony 14 anni), “I Piccoli della Pro Loco”, un vivaio di giovani, utile a far rivivere la memoria storica di Castrovillari, diretto da Tiziana La Vitola e dal direttore artistico, Gerardo Bonifati, che, insieme al presidente Eugenio Iannelli, hanno portato i saluti ai presenti. Saluti anche da Antonio Notaro nella duplice veste di direttore artistico dell’Estate Internazionale del Folklore e di consigliere comunale.

festeggiamenti continueranno giovedì, alle ore 17, sempre nel Castello Aragonese, con la presentazione del libro “I Colori della Tradizione”, casa editrice “Il Coscile”, che racconta la storia del Gruppo e gli eventi culturali di Castrovillari dal 1929 ad oggi. A seguire, “90 anni di Storia”, tavola rotonda sulla storia del Gruppo Folklorico del Pollino e sui momenti tradizionali locali. L’evento è realizzato in collaborazione con l’Accademia Pollineana.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *