Redazione Paese24.it

Morano. Centinaia di firme in poche ore, infiamma la protesta contro l’ecodistretto

Morano. Centinaia di firme in poche ore, infiamma la protesta contro l’ecodistretto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Sono già più di 600, in soli tre ore, le firme raccolte nella giornata di ieri (mercoledì), dal comitato civico costituitosi immediatamente all’indomani della notizia della collocazione dell’ecodistretto nel comune di Morano Calabro. Numeri destinati a moltiplicarsi nei giorni a venire, per chiedere al sindaco di ritirare quella «sconsiderata delibera, decisa da una giunta carbonara, un sabato sera con soli cinque componenti».

«Una manifestazione di interesse – precisa il comitato civico per il No all’ecodistretto, scevro da ogni connotazione politica e votato al solo diritto costituzionale alla difesa della salute e salvaguardia del territorio – che solleverebbe l’intera classe politica provinciale da un problema decennale, un distretto di cui nessuno vuol farsi carico date le scottanti problematiche cui si va incontro. Una doccia gelata sugli ignari cittadini moranesi che, da una vita, stanno investendo sulle potenzialità turistiche, agricole e ambientali del territorio».

«Scelta ponderata e sapientemente nascosta al popolo che dovrebbe tutelare o mera opportunità politica?» – si chiedono i membri del comitato che aggiungono: «la previsione di un indennizzo è già un’ammissione di danno, l’immediata promozione di De Bartolo alla vice presidenza dell’Ato un segnale di profondo spessore politico».

Intanto, nella giornata di oggi (giovedì) un nutrito gruppo di moranesi parteciperà ai lavori consiliari dell’Ente Parco, dove all’ordine del giorno figura una discussione sull’impianto in esame.

Federica Grisolia

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *