Redazione Paese24.it

Amendolara. La comunità si stringe in preghiera per la guarigione di una giovane mamma

Amendolara. La comunità si stringe in preghiera per la guarigione di una giovane mamma
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Un intenso momento di preghiera è stato vissuto ieri (giovedì), alle ore 21, nella chiesa del Convento di San Domenico ad Amendolara, per esprimere vicinanza e conforto ad una giovane concittadina afflitta da una malattia. Mamma, figlia, amica, sorella di tutti coloro che si sono stretti attorno alla famiglia in un’unica, sentita ed emozionante preghiera di intercessione per chiederne la guarigione. Tutti in adorazione ai piedi del Santissimo, esposto sull’altare e poi tra i fedeli, in una breve processione, per sentire ancor più viva la presenza del Corpo e del Sangue di Cristo. A presiedere la veglia tra letture bibliche, canti e preghiere, i due parroci di Amendolara, don Vincenzo Santalucia e don Nicola Arcuri.

Tanti i presenti accorsi anche grazie al passaparola sui social – che hanno affollato la chiesa, in religioso silenzio, dove il pensiero più razionale, che in questi casi non riesce a dare risposte al dolore, ha lasciato spazio al raccoglimento più intimo, alle ragioni del cuore, alla riflessione. La comunità, da mesi, sta vivendo momenti di apprensione e forte emotività per la giovane, mamma di una bimba di pochi mesi, perché nella tristezza, nella sofferenza, nella malattia, il conforto è dato dall’unione e la preghiera, per chi crede, è «la migliore arma che abbiamo. Una chiave che apre il cuore di Dio».

Federica Grisolia

Share Button

One Response to Amendolara. La comunità si stringe in preghiera per la guarigione di una giovane mamma

  1. Domenico 2019/10/19 at 10:53

    Un momento che ha fatto veramente capire che ad Amendolara esiste una sola e vera comunità, che, all’occorrenza, sa esprimere i veri sentimenti nei confronti di qualcuno in difficoltà.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *