Redazione Paese24.it

Corigliano-Rossano, sicurezza scuole. La replica del sindaco alle accuse della Minoranza

Corigliano-Rossano, sicurezza scuole. La replica del sindaco alle accuse della Minoranza
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«Le centrali termiche di cui la nostra amministrazione comunale, nei suoi primi mesi di mandato, ha disposto e finanziato la sostituzione (ben nove), infatti, possono tranquillamente finire in un museo di archeologia industriale, e guarda caso sono proprio quelle per cui tutti stiamo vivendo disagi. E se è vero e condivido pienamente che non dobbiamo fare scarica barile, non dobbiamo neanche dire fesserie alla nostra gente: per queste carrette termiche la manutenzione estiva non c’entra proprio nulla, mentre l’unico dato di fatto è che chi ci ha preceduto – non per mesi ma per anni – e che magari ha anche il coraggio di improvvisare contestazioni, ha lasciato nel dopoguerra le scuole di questa città e non solo quelle». Passano poche ore ed arriva puntuale la replica del sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi, che risponde per le rime alla minoranza che accusa l’Amministrazione Comunale di inadempienze nella gestione degli edifici scolastici, privi -secondo l’Opposizione – di moderni impianti di riscaldamento e norme di sicurezza.

«Pazienza – continua il primo cittadino della neo città unica – raccogliamo noi gli strali di tutti e sostituiamo le prime nove caldaie, perché la città normale non si costruisce con la bacchetta magica. Insomma, invito a non fare le scoperte dell’acqua calda che non servono a
nulla, ma facciamoci tutti carico, piuttosto, di una consapevolezza: che i nostri edifici (non solo quelli scolastici) richiedono un piano di manutenzione straordinaria che è solo iniziato (Tieri, Fabrizio, Leonetti, Nizza, presto Piragineti, Nazionale, Leonardo Da Vinci ed altre) e che richiederà del tempo. Servirà anche un piano di nuova edilizia scolastica che rinnovi il nostro patrimonio di immobili dedicati alla scuola, che presenteremo l’anno prossimo e che sarà il futuro della Città».

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *