Redazione Paese24.it

Castrovillari. Si chiude il processo di beatificazione di Suor Semplice. «C’è anche un presunto miracolo»

Castrovillari. Si chiude il processo di beatificazione di Suor Semplice. «C’è anche un presunto miracolo»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il prossimo 23 marzo, nel giorno della suo anniversario di morte, si chiuderà la fase diocesana del processo di beatificazione e canonizzazione della Serva di Dio, Suor Semplice, al secolo Maria Berardi, la mistica castrovillarese che dedicò una vita a Gesù, amando in maniera sviscerata i poveri, gli anziani e i bambini, morta in odore di santità nel 1953. A questa importante notizia se ne aggiunge un’altra – rivelataci dal postulatore della causa, don Massimo Romano – sullo studio di un presunto miracolo (per il quale è previsto, poi, un altro processo).

Il Tribunale Ecclesiastico per l’apertura dell’inchiesta diocesana sulla vita, le virtù, la fama di santità e dei segni (le grazie ricevute per Sua intercessione) della Serva di Dio si era insediato tre anni fa, dopo una messa solenne nella chiesa di San Francesco Di Paola, a Castrovillari, dove si trova la tomba di “Zì Monaca”, come viene affettuosamente chiamata dai suoi concittadini.

La commissione storica – ci ha riferito il postulatore don Massimo – ha ricercato tutti i documenti e il Tribunale Ecclesiastico ha ascoltato i testimoni. Per tale motivo, si procederà alla chiusura del processo diocesano e, ora, la documentazione passerà alla Congregazione delle Cause dei Santi (cioè l’organismo della Santa sede che si occupa dei processi di beatificazione), a Roma, che stilerà la “Positio”,  un dossier da cui, usando le testimonianze e i documenti raccolti nell’Inchiesta Diocesana, si evinceranno, appunto, vita, virtù e fama di santità della Serva di Dio, conosciuta non solo a Castrovillari ma in tutta la Calabria.

La notizia è stata accolta con gioia anche dall’omonima associazione “Suor Semplice Maria Berardi”, presieduta da Antonio Buffone, che ha sede nella casa dove “Zì Monaca” viveva nella carità e dove ebbero luogo fenomeni mistici, tuttora meta di fedeli.

Federica Grisolia

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *