Redazione Paese24.it

Terzo Megalotto Sibari-Roseto. «Cantieri aperti a marzo». Immensa richiesta di lavoro da soddisfare

Terzo Megalotto Sibari-Roseto. «Cantieri aperti a marzo». Immensa richiesta di lavoro da soddisfare
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il vice ministro alle Infrastrutture, Giancarlo Cancellieri, durante la sua recente visita in Calabria ha discusso anche della questione nuova Ss 106 e più precisamente del Terzo Megalotto Sibari-Roseto Capo Spulico. «Su questo cantiere ci lavoreremo molto, è la mia seconda volta nel territorio in poche settimane e il mio impegno sarà la costante presenza appena partiranno i lavori, voglio monitorare ogni passo di costruzione di questa opera – ha dichiarato Cancellieri -. La prima sfida partirà i primi di marzo con il via alle opere di cantierizzazione di tutta l’area interessata e poi quella di completamento di tutta la macchina operativa con i mezzi e gli uomini necessari – ha continuato -. Daremo così il via ufficiale ai lavori mettendo la posa della prima pietra che vorrei fare insieme al futuro nuovo presidente della Regione. Tutto ciò è necessario per creare sinergia e collaborazione istituzionale, necessaria per la realizzazione delle infrastrutture di questo territorio e per il popolo calabrese.». Si parla della più importante opera che ANAS realizzerà nel 2020 in Italia a fronte di una spesa di realizzazione quantificata in un miliardo e trecento milioni. Un opera che verrà realizzata con una sofisticata tecnologia ingegneristica, con tecniche moderne e nel rispetto degli standard europei, da quello che assicurano gli addetti ai lavori.

Intanto il sindacato FILLEA CGIL, fa sapere che per come previsto dal protocollo sottoscritto dalle parti ai sensi dell’art.113 del CCNL di settore, presso Confindustria Cosenza in data 13/06/2018, sta procedendo ad incontrare i lavoratori in tutto il territorio per informarli dettagliatamente sulle varie fasi di avvio del cantiere, utilizzando gli strumenti che la contrattazione ha messo a disposizione, fra i quali, l’invio delle candidature sulla piattaforma del “consorzio SIRJO”, uno strumento innovativo e trasparente. «I nostri enti bilaterali – commentato dal sindacato – ed in particolare l’ente scuola/CPT dovranno essere, per come previsto da accordi già in essere e sottoscritti, il fulcro di quella che sarà una formazione innovativa, preventiva e continua dei lavoratori, durante le varie fasi di costruzione dell’opera stessa, questo a garanzia di una risposta forte e determinata alla immensa richiesta di lavoro che proviene dall’intero territorio che ospiterà il cantiere e che dovrà, necessariamente, trovare largo riscontro nell’accesso dei lavoratori qualificati e formati che ne fanno richiesta.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *